Alessandro Tonolli, storica bandiera della Virtus Roma, vestendone la maglia dal 1994 (anno in cui arrivò da Brescia) fino al 2014, diventandone capitano nel 2000, è uno dei due giocatori la cui maglia (la numero 8) è stata ritirata dalla società, l’altro è Davide Ancilotto, giocatore arrivato nel 1996 e prematuramente scopmparso l’anno successivo a cui la società ha ritirato la maglia numero 4 e la tifoseria ha dedicato una curva. Questo il post su Facebook dell’ex capitano virtussino:

“Ricordi belli, ricordi brutti…gioie incazzature, soddisfazioni, sacrifici, pianti…emozioni sincere, amicizie vere…tutto questo e molto altro è stata la MIA e la NOSTRA VIRTUS.  Niente e nessuno può cancellare i ricordi di ciò che abbiamo vissuto…grazie di cuore amica mia”. L’ex giocatore ha concluso con una frase di Isabel Allende:

“Non esiste separazione definitiva finche esiste il ricordo”