BOLOGNA – È una serata amara per la Virtus Bologna che alla Segafredo Arena si impone 81-78. Una serata nata storta e finita storta.
Ad inizio gara la Segafredo ha faticato a trovare la via del canestro da tre, lo 0/8 oltre l’arco ha parecchio condizionato la gara della squadra di Banchi. Il Monaco da li ha preso slancio e fiducia raggiungendo anche il +16 (43-27). Poi però Belinelli ha sbloccato la situazione da tre punti e la Virtus ha ritrovato smalto ed è tornata a contatto.
L’ultimo quarto si è poi giocato sui dettagli. Dettagli che hanno premiato i monegaschi. Le palle perse, quella di Shengelia a 1’ dalla fine in particolare seguita dal fallo (quinto personale) che ha dato i liberi a Loyd (pazzesco con 24 punti) del vantaggio.
Questa è la seconda sconfitta casalinga in EuroLeague di questa stagione della Virtus che ora rivede complicarsi il cammino verso i playoff.
Per la Virtus arrivano 21 punti da Belinelli, 15 da Lundberg e 10 da Mickey.
Per il Monaco ci sono 24 di Loyd e 21 di James. 

La cronaca 

La Virtus Bologna litiga con il ferro della lunga distanza. Ne approfitta il Monaco per provare subito a mettere le cose verso la propria direzione. La Virtus senza tiro da tre (0/6 nei primi 10’) rimane aggrappata ma il primo quarto si conclude sul 21-16 in favore dei monegaschi.
Ad inizio secondo quarto il Monaco prova a prendere un ampio margine. Loyd e James segnano a ripetizione, mentre la Segafredo non si sblocca oltre l’arco. I monegaschi toccano il -16 (43-27). Poi Belinelli sblocca la situazione da tre punti con due bombe di fila e all’intervallo si va sul 45-35.
La ripresa dei giochi è Belinelli-show. Il capitano della Virtus si mette in proprio e suona la carica. La Segafredo rimonta possesso dopo possesso e con la schiacciata di Dunston torna a -1 (46-45).
Le V Nere però non riescono a trovare continuità, mentre i monegaschi ritrovano smalto: al 30’ il punteggio dice 60-54 in favore della squadra di Obradovic.
La Virtus è viva e lo dimostra nei primi minuti di quarto quarto. Il Monaco in qualche modo riesce a tenere il vantaggio fin quando a 3’ dalla fine Belinelli non mette la tripla del 74 pari.
Le squadre si battono colpo su colpo, iniziano a sbagliare qualche tiro e per la Virtus Shengelia commette il quinto fallo. A 30’’ dal termine Monaco è avanti 79-78.
Lundberg sbaglia la conclusione, Brown prende rimbalzo e subisce il fallo (quinto) tattico di Cordinier. A 8 secondi dal termine l’ex Brindisi fa 1/2 dalla lunetta regalando al Monaco il +2 (80-78).
Nell’azione finale Lundberg sbaglia ancora ed è Jaiteh a prendere il rimbalzo decisivo: Monaco vince 81-78. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Hackett, foto Ciamillo-Castoria