Il vero basket, quello che abbiamo visto nella partita tra AS Monaco e Fenerbahce, gara-5 dei quarti di finale di Eurolega finita 79-80 per i turchi. Non sono bastati 40 minuti per decretare la vincitrice, l’overtime è stato decisivo e le due triple di Calathes hanno regalato la vittoria al Fenerbahce che può festeggiare il passaggio alle Final Four. Serata storica perchè per la prima volta in Eurolega una squadra vince gara-5 in trasferta, dopo le 19 vittorie consecutive dei padroni di casa.

Una partita che, già alla vigilia, si sapeva sarebbe stata molto bella e avrebbe tenuto sulle spine tutti gli appassionati fino alla fine, così è stato. Dopo un inizio di studio di ciascuna squadra si è iniziato a giocare con il Monaco che ha dato il primo strappo con un parziale di 6-0, portandosi sul 15-13 di fine primo quarto.

Il secondo periodo segue il copione del primo, squadre che iniziano ad entrare in ritmo e Monaco che prima della pausa riesce anche ad andare sul +8, una tripla di Wilbekin però chiude la prima metà di gara sul punteggio di 40-35.

Il secondo tempo inizia, però, il vero spettacolo: il Fener inizia a tirare bene da tre, trovando ottimi spazi in attacco e difendendo niente male in difesa, grazie anche all’aiuto di Papagiannis che impedisce alle penetrazioni del Monaco di andare a segnare un facile lay-up. Il parziale del Monaco di 8-0 sembra ristabilire il distacco con un risultato di 55-48, Biberovic però non è d’accordo e segna 8 punti da solo negli ultimi 90 secondi di terzo quarto, portando il Fenerbahce in vantaggio prima del quarto periodo, 55-56.

Nell’ultimo quarto la scena però se la prende la difesa, solo 23 infatti sono i punti segnati dalle due squadre dal campo, sul 60-60 i quattro liberi del Fenerbahce, prima Calathes, poi Biberovic, portano il punteggio a 60-64 ma è la tripla di Guduric quella che sembra sentenziare il Monaco che a 150 secondi dalla fine è sotto 63-67. Il minuto successivo è caratterizzato dall’ottima difesa di entrambe le squadre che non vogliono concedere neanche un punto, lasciando nessuno spazio ai tiratori e chiudendo le penetrazioni, senza neanche fare troppi falli, nessun tiro in lunetta infatti negli ultimi 4 minuti di gioco.

Quando il gioco si fa duro però il campione esce fuori e fa la differenza: Mike James prende palla, arriva in attacco e segna una tripla marcato da 2 che sposta completamente l’inerzia del finale, il canestro successivo di Okobo porta nuovamente in vantaggio il Monaco, 68-67 a 60 secondi dalla fine. Il Fenerbahce ha bisogno di un canestro e, con uno dei suoi tiratori migliori, Biberovic, infortunato proprio dopo il canestro di Okobo, si prende la scena Wilbekin che in un momento di difficoltà della difesa francese trova lo spazio necessario per tirare, la tripla entra: 68-70.

Passano esattamente 10 secondi che Okobo rimette tutto in discussione segnando il canestro del pareggio, 70-70 con 40 secondi da giocare. Il Fenerbahce perde palla in attacco e il Monaco sfrutta tutti i 24 secondi, dei 26 disponibili, per provare un tiro impossibile che sbatte sul ferro esterno e manda la partita ai supplementari.

L’overtime si apre con la tripla di Mike James ma il Fenerbahce non intende mollare e si porta nuovamente in vantaggio, 73-74. Gli schemi saltano e si gioca solo per vincere, Okobo e Diallo riportano in vantaggio Monaco che a 60 secondi dalla fine è sopra 77-74. Sembra finita, poi avviene la catastrofe: la difesa di Monaco si dimentica completamente di Calathes che, dall’angolo, ha tutto il tempo di tirare e segnare riportando la gara in parità, 77-77. James però fa nuovamente la voce grossa e con una parabola molto alta, per evitare la stoppata di Papagiannis, trova il canestro del 79-77.

Il Fener non chiama time-out, in attacco un blocco di Calathes mette in difficoltà la difesa di Okobo su Wilbekin e James, per aiutare, lascia solo il numero 33 giallonero che non sbaglia segnando nuovamente la tripla, stavolta del 79-80 con 17 secondi da giocare. Monaco non ha molto tempo ma Okobo pasticcia con la palla e la perde, Papagiannis la abbraccia a terra ma Diallo riesce a metterci le mani, non è però fallo ma palla a due sulla lunetta difensiva del Fenerbahce. Nessuno vince la palla a due che rimbalza lontano dalle mani dei giocatori del Monaco, i 2.5 secondi sul cronometro vanno avanti e suona la sirena.

Il Fenerbahce batte il Monaco 80-79 in trasferta e, per la prima volta nella storia dell’Eurolega, vince una gara-5 la squadra ospite. Vola alle Final Four dopo 5 anni, l’ultima volta fuori con l’Anadolu Efes in semifinale, dove affronterà il Panathinaikos il 24 maggio. Amaro in bocca per l’AS Monaco che viene sconfitta tra le mura amiche dopo aver forzato gara-5 vincendo in Turchia gara-4.

Credit Photo: Fenerbahce Facebook