Trapani batte 82 a 62 Verona in una gara a senso unico e raggiunge per la prima volta nella sua storia la finale di Supercoppa LNP.
Nel primo tempo gli Shark hanno dominato in lungo in largo, contro una Verona che ha dato l’impressione di non essere ancora pronta e di aver bisogno di un po’ di tempo per trovare la forma e la chimica necessaria. Trapani in apertura ha preso da subito il controllo della partita e non l’ha più perso, la fiducia infatti ha permesso agli uomini di coach Parente di trovare il fondo della retina con grande continuità. (16/30 da 2 e 13/33 da 3)
Trapani ha tremato solo nell’ultimo quarto quando ha tolto il piede dall’acceleratore e Verona ne ha approfittato grazie ad un 4 a 11 di parziale. Marini, 20 punti, e Notae, 21, hanno però subito spento ogni speranza della Scaligera di rientrare in partita.

Domani i siciliani giocheranno la finale alle ore 19.00 contro la vincente della sfida tra Real Sebastiani Rieti e Gruppo Mascio Treviglio in programma questa sera alle 20.45.

LA CRONACA

La partita rende il via in maniera piuttosto ingessata, Trapani prende le redini della partita in apertura e già a 5 minuti di gioco sigla il primo allungo, portandosi sul +7. Il controllo degli Shark prosegue anche nei minuti successivi e, grazie a Marini, arriva sul 22 a 13 al termine del quarto.

Nel secondo periodo la partita non cambia e i siciliani incrementano il vantaggio fino al +18. La Tezenis invece non trova soluzioni sui due lati del campo. Sul 39 a 18 Trapani scollina le 20 lunghezze di vantaggio. Non sembra esserci verso di ribaltare la partita per i gialloblù, eppure nel finale del primo tempo la fiammata veronese riduce temporaneamente lo scarto, ma gli Shark non tremano e rispondono con una tripla di Renzi, 47 a 28.

La seconda frazione vede una sfida pressoché identica, il vantaggio trapanese si stabilizza oltre i 20 punti. La Scaligera oltre a qualche guizzo isolato non da segni di vita. Dopo 30 minuti di gioco il punteggio è 65 a 45.

Nell’ultimo quarto Trapani abbassa un po’ l’intensità e Verona per la prima volta ne approfitta, 4 a 11 di parziale e distacco ridotto fino alle 13 lunghezze. Arriva la risposta prima di Marini, con un giro in lunetta, e successivamente di Notae con due triple, 77 a 58. Finisce 82 a 62.

TOP, FLOP E PAGELLE

Trapani
TOP: Pierpaolo Marini: 7,5 – Protagonista assoluto della partita dall’inizio alla fine. 20 punti, 5 rimbalzi e 4 palle rubate.
J.d. Notae: 7,5 – Partita solida la sua e, nell’unico momento di difficoltà di Trapani, ha firmato due triple dal grande peso specifico. Chiude con 21 punti e 6 assist.
FLOP: Yancarlos Rodriguez: 5 – Gioca una gara inconsistente, ma fortunatamente per gli Shark la squadra non ne risente. 0 su 5 dal campo e – 3 di valutazione.

Joseph Mobio: 7
Rei Pullazi: 7
Fabio Mian: 6,5
Matteo Imbrò: 6
Andrea Renzi: 6
Veljko Dancetovic: NE

Verona
TOP: Gabe Devoe: 6,5 – Uno dei pochi tra le fila di Verona a provarci veramente, ma non basta. 15 punti e 6 rimbalzi.
FLOP: Kamari Murphy: 5 – Assente per gran parte della partita, il suo primo canestro arriva nel finale del terzo quarto.

Ethan Esposito: 6
Liam Udom: 5,5
Vittorio Bartoli: 6
Lorenzo Penna: 6
Francesco Stefanelli:5,5
Giulio Gazzotti: 6
Nemanja Gajic: 5,5
Federico Massone: 5,5

Alessandro di Bari