La Virtus Bologna fa un’altra impresa. Dopo aver espugnato Madrid, la Segafredo sbanca il Forum di Assago battendo Milano per 64-59.
È tornato il derby d’Italia e torna in Eurolega, tutti gli occhi degli appassionati del basket europeo erano puntati sul Forum e le aspettative non sono state tradite.
Quello tra Milano e Virtus è stato un vero e proprio match in formato Eurolega: punteggio basso, fisicità alle stelle e tanto spettacolo in campo.
La Virtus ha vinto la partita e lo ha fatto di squadra. Certo il contributo dato da Milos Teodosic, Tornike Shengelia e Jordan Mickey è stato eccellente, ma tutti gli uomini di Scariolo hanno dato il proprio contributo. Le V Nere con questo successo danno seguito alla vittoria in semifinale di Supercoppa rimettendo – in parte – a posto il conto dopo le ultime finali scudetto.
La Virtus riscatta la partita persa al PalaDozza contro l’ASVEL grazie ad un’ottima prova partendo dalla difesa. Allo stesso tempo inguaia l’Olimpia che incappa in una mini crisi europea. Sono tre le sconfitte consecutive (ancora a bocca asciutta al Forum) per i meneghini che hanno sofferto l’aggressività virtussina. Questa ha portato molte difficoltà agli ingranaggi di Messina, soprattutto offensivi come dimostrano i soli 59 punti segnati.
Per la Virtus ci sono 15 punti di Milos Teodosic, 14 di Jordan Mickey e 12 di Tornike Shengelia.
Per Milano – priva degli infortunati Shavon Shields e Billy Baron oltre che l’influenzato Gigi Datome – arrivano 13 punti da Naz Mitrou-Long e 11 da Brandon Davies.    

La cronaca 

Dopo una partenza equilibrata, nella seconda metà di primo quarto è l’Olimpia a provare a prendere il primo margine di vantaggio. Difesa e percentuali al tiro eccellenti: Mitrou-Long e Melli si mettono in proprio per il 23-12 al termine dei 10’ inaugurali.
La riscossa Virtus arriva ad inizio secondo quarto. Teodosic inventa per i compagni, gli altri capitalizzano. La Segafredo piazza un parziale di 9-0 che significa -1 (24-23). A completare il capolavoro biaconero è il serbo che segna la tripla del +1 (25-26).
La Virtus non si limita a mettere il naso davanti con Shengelia e Lundberg prova addirittura una fuga: 36-31 a 2’ dall’intervallo. Negli spogliatoi si va sul 39-35 per i felsinei con la prodezza sulla sirena di Teodosic.
Ad inizio secondo tempo l’intensità delle difese aumenta, ma la Virtus rimane in vantaggio sul 43-38. Nella seconda parte del quarto è la Segafredo a voler provare a scappare. Shengelia e la tripla dall’angolo di Cordinier significano 51-40.
Dopo 30’ i felsinei sono avanti 53-41.                           
La Virtus nel quarto periodo mantiene il suo vantaggio, anche se Milano con Mitrou-Long ed Hall hanno provato il tutto e per tutto per ricucire. Il divario si assottiglia ma la Segafredo espugna il Forum per 64-59. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo

Nell’immagine Toto Shengelia, foto Ciamillo-Castoria