Alla Zalgirio Arena di Kaunas si è giocata Zalgiris-Milano, partita fondamentale nella corsa play-in. Milano ha condotto per il primo tempo, ma nel secondo la rottura prolungata in attacco per l’Olimpia ne ha siglato la sconfitta 87-73. Super prestazione di Sumner (17) e del solito Evans (20). Per Milano il migliore è Mirotic (19). Sconfitta che chiude di fatto la campagna europea di Milano, mentre quella dello Zalgiris rimane aperta, seppur con poche probabilità di raggiungere i play-in, ancora meno i playoffs. Chiaramente viste le premesse di inizio stagione, ed il budget delle due squadre, questo risultato certifica il fallimento della stagione milanese. L’innesto in corsa, nuovamente, di Napier non ha portato ad un cambio di marcia come nell’annata precedente e quindi per il secondo anno di fila l’Olimpia non riesce a centrare l’obbiettivo minimo della stagione, ovvero i playoffs di Eurolega. Ultima osservazione, Milano ha perso con Alba, Asvel ed entrambe le partite con lo Zalgiris. Ha invece battuto due volte il Barcellona ed ha vinto contro quasi tutte le prime 8 della classifica, pure contro il Real Madrid. Difficile trarre delle conclusioni sulla stagione nel suo complesso coerenti con i risultati del campo.

 

CRONACA

Ritmi alti ad inizio partita, con Giedraitis e Mirotic che aprono le marcature per entrambe le squadre. Sia Napier che Evans per ora aspettano la partita, per Milano allora sono Shields e Melli ad organizzare l’attacco ma è lo Zalgiris che allunga sul 10-5 dopo una brutta palla persa della truppa di coach Messina. In uscita dal time-out 12-2 di parziale per la squadra italiana sulle ali di Mirotic. Sumner sblocca i suoi nel finale di quarto, che si chiude con il punteggio di 14-17.

Dopo 2 minuti ecco la prima tripla della partita, firmata da Manek per il 20 pari, seguita a ruota da quella di Lekavicius. Milano rimane però avanti grazie ai tiri liberi di Napier, 25-26. Ritmo che ora è decisamente più compassato, con le difese che hanno iniziato a funzionare meglio. Milano continua a tirare male dalla lunga distanza, mentre dall’altra parte lo Zalgiris perde un paio di palloni di troppo e quindi Tonut finalmente da tre punti allunga a 5 il vantaggio milanese. Sul finale la tripla di Evans fissa sul tabellone 35-37.

Il secondo tempo inizia con entrambe le squadre in difficoltà offensiva, ma la squadra di coach Trinchieri trova i suoi punti e il vantaggio grazie a tantissimi rimbalzi offensivi. Evans e Birutis schiacciano, con Milano che rimane in scia dei Lituani grazie alla tripla di Napier del 47-43. Evans spende il suo terzo fallo per fortuna dell’Olimpia e si va a sedere in panchina, ma per Milano il problema rimane quello di chiudere le penetrazioni avversarie. Sumner, che ora ha preso il controllo delle operazioni dello Zalgiris, alza per Hayes che schiaccia il +8. Mirotic legge le difficoltà dei suoi e segna due canestri da fenomeno assoluto. A fine terzo quarto il punteggio è 59-54.

Il primo canestro del quarto è di Sumner, che si inventa una gran tripla dal palleggio, salta la difesa di Milano che concede la schiacciata ad Hayes ed ora è +10 per i padroni di casa. Milano allora si aggrappa alle triple, ma i padroni di casa sono decisamente in ritmo e a 5′ dalla fine il tabellone recita 72-65. Milano si spegne in attacco, lo Zalgris prende il largo con Evans e Sumner. Finisce 87-73.

 

Foto Eurolega
Nell’immagine Shavon Shields e Arnas Butkevicius

 

Riccardo Pirrò