L’Happy Casa Brindisi inizia il 2023 espugnando la BLM Group Arena di Trento e rientrando di prepotenza nel discorso accesso alle Final Eight di Coppa Italia, tirando in ballo proprio i trentini che ora distano solo un successo. Agli uomini di Molin non bastano né il rientro di Spagnolo né l’assenza importante, dall’altra parte, di Perkins. Una gara controllata dai pugliesi fin dalla palla a due e chiusa con freddezza nel finale cavalcando le ottime giornate di Burnell, Bowman, Mascolo e Bayehe, mentre i padroni di casa sono obbligati a inseguire per quaranta minuti come a Trieste e non riescono mai a rientrare realmente in partita salvo un paio di fiammate.

Prossimo impegno per gli uomini di Vitucci domenica prossima contro Varese, Forray e compagni sono chiamati al riscatto in una complicata trasferta a Brescia per non vanificare gli sforzi fatti negli ultimi mesi.

LA CRONACA

Trento recupera Spagnolo ma Molin preferisce comunque partire con Flaccadori, Lockett, Conti, Grazulis e Atkins, Brindisi orfana di Perkins risponde con Mascolo, Reed, Burnell, Etou e Bayehe.

Sono gli ospiti a partire meglio con un parziale di 7-0 ispirato da Etou, la Dolomiti Energia impiega quattro minuti a trovare il primo canestro dal campo con Atkins e dopo una brutta persa di Flaccadori Molin è costretto a chiamare il primo timeout di giornata. Il minuto di sospensione non cambia però l’inerzia che resta su sponda brindisina grazie alle giocate di Mascolo. Due canestri di Ladurner tengono comunque i padroni di casa a contatto: 14-19 dopo la prima frazione.

La sfida a distanza fra Ladurner e Mascolo prosegue mentre ritorna in campo Spagnolo, ritmi che si abbassano con le squadre che faticano a segnare ma Brindisi mantiene il suo margine. Sono proprio il classe 2003 da una parte e Bowman dall’altra ad accendersi guidando i rispettivi attacchi, e con un ultimo mini-parziale si va all’intervallo lungo con gli uomini di Vitucci avanti sul 28-36.

Terza frazione caratterizzata da strappi: Trento prova ad alzare l’intensità, ma spreca un paio di buone occasioni per accorciare e Brindisi con Bayehe ne approfitta toccando anche la doppia cifra di vantaggio. I padroni di casa provano a sbloccarsi da lontano e con due triple consecutive si riportano a -4, sotto canestro la fisicità dei lunghi bianco blu continua ad essere un fattore e arriva immediato il parziale di risposta per il nuovo +11. Un paio di giocate di Spagnolo mantengono il divario in singola cifra, 45-53 dopo mezzora di gioco.

Molin prova a mescolare le carte con i suoi tre play contemporaneamente in campo, Brindisi cerca l’allungo decisivo con tre triple di Burnell e Bowman che però commettono entrambi il quarto fallo. La fuga non si arresta e Reed in contropiede può appoggiare il 53-66 quando si entra negli ultimi sei minuti obbligando il coach della Dolomiti Energia al timeout. Si sblocca Flaccadori con i suoi primi punti del match e Trento prova a rientrare fino al -5 a 90 secondi dalla fine, ma un cruciale 3/3 in lunetta di Burnell e un’ingenuità a rimbalzo di Lockett sono il colpo di grazia per i bianconeri. Finisce 68-78.

QUI le statistiche del match

 

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO | TOP

DARION ATKINS: La difesa non sempre è impeccabile, ma in una serata nera per l’attacco trentino le colpe non possono certo ricadere sul centro che chiude con 16 punti e altrettanti rimbalzi.

MAXIMILIAN LADURNER: Poco comprensibile la scelta di concedere al lungo altoatesino appena 6 minuti, in cui chiude con altrettanti punti.

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO | FLOP

DIEGO FLACCADORI: Gli 0 punti nei primi 30 minuti di gioco sono un fardello troppo pesante per un realizzatore del suo livello, e la fiammata del quarto periodo è tardiva. Chiude con 10 punti, tutti nel finale.

TRENT LOCKETT: Ancora troppo impreciso al tiro, sono  sue inoltre le leggerezze che chiudono definitivamente i  conti  nei due minuti finali.

HAPPY CASA BRINDISI | TOP

JASON BURNELL: Meritatamente mvp del match, con l’assenza di Perkins serviva una sua grande prova sotto i tabelloni e l’ex Sassari non delude. 18 punti, 8 rimbalzi, e le giocate chiave nel finale.

JORDAN BAYEHE: In termini di lotta e grinta sotto i tabelloni non fa sentire l’assenza di Perkins, con alcune giocate molto importanti soprattutto nel terzo quarto, quando Trento rientra a -4. A fine gara sono  12 punti e 12 rimbalzi.

HAPPY CASA BRINDISI | FLOP

JONAS RIISMAA: Pochi minuti in campo ma sempre quando Trento accorcia nel punteggio, costringendo Vitucci a chiedere gli straordinari a Burnell. 0 punti.

ANDREA MEZZANOTTE: Discorso in fotocopia a quello di Riismaa, con l’ aggravante di aver giocato comunque 17 minuti e aver sbagliato più tiri.

LE PAGELLE

DOLOMITI ENERGIA TRENTINO:  Conti 5.5, Spagnolo 6, Forray 5.5, Flaccadori 4.5, Udom 5, Crawford 6, Ladurner 6.5, Grazulis 6.5, Atkins 7, Lockett 5. Coach Molin 5.

HAPPY CASA BRINDISI: Etou 6.5, Burnell 8.5, Reed 6.5, Bowman 7.5, Mascolo 7, Mezzanotte 5, Riismaa 5, Bayehe 7.5. Coach Vitucci 7.5.

 

Nell’immagine Bruno Mascolo, foto Ciamillo-Castoria

Massimo Furlani