La Dinamo Sassari si appresta ad affrontare un’altra sfida importante in campionato contro Treviso, per riprendere la sua marcia verso i playoff. La squadra di Piero Bucchi ha chiuso nello scorso weekend una striscia di sette vittorie consecutive, venendo sconfitta a sorpresa in casa della neopromossa Verona. Una squadra che nell’ultimo periodo è andata oltre anche ad assenze importanti, come quelle di Gerald Robinson e Jalen Jones, con il secondo che dovrebbe tornare a disposizione nel lunch match di domani. Una squadra che nonostante arrivi alla partita dopo una sconfitta inaspettata sembra aver trovato finalmente la giusta chimica di squadra, quella che era mancata nella prima parte di stagione e che la sta riportando ad occupare stabilmente la parte alta della classifica, dopo che poco prima del giro di boa si era trovata ad occupare anche il terz’ultimo posto ad un passo dalla zona retrocessione. Ancora una volta dunque il destino della squadra passerà dalle mani di Chris Dowe, che dal suo ritorno è diventato l’equilibratore di questa squadra, diventando una pedina chiave ed irrinunciabile nello scacchiere di coach Piero Bucchi. Importante sarà anche l’apporto di Eimantas Bendzius, che dopo una prima parte di stagione fatta di alti e bassi sta finalmente ritrovando la miglior forma e sta tornando ad esser decisivo per le sorti del club sardo come lo era stato nella passata stagione. In crescita anche la coppia di lunghi Stephens-Diop, con il primo arrivato in punta di piedi dopo l’addio di Onuaku e che sta ben figurando in maglia Dinamo e con il secondo che sta avendo un vero e proprio exploit in questa seconda parte di stagione, divenendo una pedina importante in uscita dalla panchina. Una sfida da non sottovalutare, con una Treviso si che ha vissuto momenti altalenanti in campionato, ma che è in cerca di punti fondamentali in chiave salvezza e che vorrà subito riprendere il cammino dopo il cocente ko subito nell’ultima giornata contro Varese. Dunque anche difensivamente Sassari dovrà giocare una grande sfida, riducendo al minimo le distrazioni e cercando di trovare la giusta solidità e continuità per tutti e 40 i minuti della sfida. Una sfida che quindi si presenta come un appuntamento da non perdere, che andrà in scena domani a 12 e sarà visibile su Eurosport 2 ed Eleven Sport.

 

Valerio Laurenti