BOLOGNA – La Virtus Bologna alla Segafredo Arena non sbaglia un colpo. Le V Nere, infatti, si impongono su Napoli per 101-89.
Poteva essere un’impegno probante e anche complicato per gli uomini di Banchi che però – come successo nella gara d’andata – sin da subito ha imposto il proprio gioco e ritmo. La Virtus ha messo la partita sui binari a lei più congeniali grazie ad un avvio sparato griffato Cordinier. Poi a ruota sono emersi anche Mickey, Lundberg e Belinelli.
La GeVi – come normale che sia – ha provato ad inserirsi tra una sfuriata bianconera e l’altra. L’ha fatto con Pullen (ex di turno) e Brown. Ma ai partenopei è mancato l’apporto dei propri lunghi Zubcic e Owens. Per il compito è stato complicato vista la forza fisica di Dunston, Mickey e Zizic.
Con questo risultato la Virtus rimane al secondo posto della classifica, in coabitazione con Venezia. Mentre Napoli scende al quinto vedendosi scavalcata da Milano.
Questa sera per la Virtus ci sono 19 di Cordinier, 18 di Lundberg, 16 di Mickey e 10 di Belinelli.
Per Napoli invece arrivano 20 da Brown, 18 da Pullen, 13 da Ennis e 10 da Sokolowski. 

La cronaca 

Inizio straripante della Virtus che guidata da Isaia Cordinier mette subito sui binari giusti la partita.
La Segafredo impone la sua superiorità fino al 33-24 al termine del primo quarto.
Nel secondo quarto Napoli ha una reazione. Con Brown e Pullen impatta a quota 44. Poi sul finire del primo tempo la Segafredo rimette le cose a posto e all’intervallo ci va avanti 54-48.
Lo spartito sembra non cambiare alla ripresa dei giochi. La prima parte è tutta a favore della Virtus, la seconda invece di Napoli di un ispirato Pullen. Al 30’ il punteggio dice 79-74 Segafredo.
Napoli prova a risalire, ma la Virtus regge e allunga. La Sagafredo vince 101-89. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Cordinier, foto Ciamillo-Castoria