Si è giocato la ventiquattresima giornata di LBA e come di consueto eccoci con la rubrica esclusiva di Basket Magazine “L’Ottovolante” con tutto il meglio ed il peggio dell’ultimo turno del massimo campionato italiano.

SALGONO

NELLA PAZZA DOMENICA DEL PALARADI EMERGE CREMONA 

La Vanoli Cremona ha stupito letteralmente tutti con la prova e la vittoria ottenuta al PalaRadi contro Venezia. 92-90 il punteggio finale in favore degli uomini di Cavina che hanno saputo andare avanti, vedersi recuperare, soffrire e poi fare il miracolo nell’ultimo quarto. Sugli scudi e protagonisti assoluti Davide Denegri e Trevor Lacey. 

TREVISO, UN SUCCESSO CHE DÀ RESPIRO 

Un successo importante, fondamentale e forse inaspettato quello di Treviso che ha espugnato Pistoia per 84-83. Con questa vittoria griffata Harrison (20 punti) e Bowman (15) ed il contemporaneo ko casalingo di Pesaro contro Reggio Emilia, la squadra di Frank Vitucci va a +4 sul penultimo posto della classifica. 

LA VIRTUS CHE RITROVA IL PRIMATO IN CLASSIFICA 

Era la gara più attesa, quella da cui ci si aspettava più di tutte. E alla fine la Virtus ha fatto valere la legge del più forte. La Segafredo – dopo un difficile settimana europea – ha saputo dare a Brescia tutte quelle risposte che ci si aspettava. Con una difesa da EuroLeague, la Germani è andata in confusione e ancora una volta è capitolata sotto i colpi del bombardiere Belinelli.
Con questa vittoria la Virtus impatta Brescia in testa alla classifica, ma forte del doppio scontro diretto a favore le V Nere si ritrovano al primo posto della griglia. 

SCENDONO 

GLI ERRORI E LA PERMALOSITÀ DI CERTI FISCHIETTI 

Già da diversi mesi denunciamo una scarsa classe arbitrale globale. Ogni domenica almeno una partita è fortemente condizionato dagli errori della terna. Questa settimana è successo qualcosa che a memoria è un primizia. Il coach della Reyer Venezia Neven Spahija è stato espulso per doppio fallo tecnico… dopo meno di 4 minuiti di gioco. Il motivo della protesta dell’allenatore croato è stato un fallo in attacco fischiato a Tucker. Spahija ha protestato e si è preso il primo tecnico, poi ha minimato la maglia tirata di Tucker e l’arbitro (Saverio Lanzarini) si è indispettito fischiandogli anche il secondo.
In questa giornata inoltre non sono mancate le polemiche arbitrali. Ne abbiamo avute nel match de Forum tra Milano e Napoli. A contestare l’operato dei tre grigi è il club partenopeo, in particolare il patron Grassi. Sono state diverse le fischiate dubbie e una gestione della gara (tra falli e tecnici) alquanto discutibile. 

PESARO, LA CONTINUITÀ CHE MANCA 

Dopo la vittoria in casa contro la Virtus Bologna, tutti si aspettavano una Pesaro rigenerata ed in fiducia. Invece è caduta nettamente tra le mura amiche contro Reggio Emilia. La Carpegna Prosciutto ha perso da una squadra che ha sempre faticato lontano dal PalaBigi e questo risultato – in aggiunta agli altri della giornata – complica e non poco il proseguo della stagione degli uomini di Sacchetti. Ora per la VL e per Brindisi (che ha vinto a Scafati) serve un vero e proprio miracolo. 

IL PAGELLONE DI BM 

VIRTUS BOLOGNA 8.5
CREMONA, TREVISO 8
TRENTO, BRINDISI, MILANO 7.5
REGGIO EMILIA 7
TORTONA 6.5
NAPOLI 6
SASSARI, VARESE, PISTOIA 5.5
VENEZIA, BRESCIA 5
PESARO, SCAFATI 4.5

L’MVP DI BM

Questa settimana vogliamo premiare Davide Denegri. Il playmaker di Cremona è stato uno degli artefici del meraviglioso successo della Vanoli su Venezia. Denegri in 25’ di utilizzo ha prodotto 23 punti (con la tripla della vittoria), 2 rimbalzi e 2 assist. 

L’U22 

Il miglior under 22 di giornata è Saliou Niang. Il giovanissimo del 2004 di Trento, nel successo casalingo contro Sassari, in 15’ di impiego ha messo a referto 6 punti con 5 rimbalzi e 2 assist. 

IL MIGLIOR QUINTETTO 

DAVIDE DENEGRI (Cremona): 23 punti, 2 rimbalzi e 2 assist
MARCO BELINELLI (V. Bologna): 17 punti e 4 assist
FRANK BARTLEY (Brindisi): 22 punti e 4 rimbalzi
NICOLÒ MELLI (Milano): 19 punti e 12 rimbalzi
TARIK BLACK (Reggio Emilia): 13 punti e 12 rimbalzi  

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Denegri, foto Ciamillo-Castoria