Treviso gioisce ancora in LBA, sconfitta la Vanoli Cremona sul punteggio di 76-70 al PalaRadi. La squadra di Frank Vitucci trova così il suo secondo successo consecutivo (il secondo stagionale) e continua a sperare nella salvezza portandosi a -2 da Varese (che si trova a quota 6 punti). Mostra segni di ripresa Treviso, che sembra intravedere la luce in fondo al tunnel dopo l’avvio shock di stagione (0-9) ed inizia a vedere i primi frutti del lavoro svolto in questi mesi. Una squadra che con gli arrivi di Justin Robinson e Osvaldas Olisevicius sembra finalmente aver trovato una sua identità ed aver trovato nuova linfa vitale per riuscire a svoltare una stagione che non era iniziata nel migliore dei modi. Se già con Brindisi erano arrivati buoni segnali, oggi questo vengono confermati e mostrano i passi avanti compiuti dalla compagine trevigiana nelle ultime giornate. Oggi ad esser decisiva è stata la fase difensiva, che ha concesso appena 13 punti alla Vanoli prima nel primo quarto e poi nella terza frazione, che gli ha permesso inizialmente di scappare e poi di tornare all’interno della sfida dopo aver messo appena 7 punti a referto nella seconda frazione. Una Nutribullet che sembra una versione totalmente opposta di quella vista fino a poche giornate fa, diventata cinica nei finali e capace di avere una continuità, soprattutto nella metà campo difensiva, per tutti e 40′ della fine. Per Treviso 25 punti di Olisevicius e 18 punti di Bowman. Dall’altra parte è un occasione sprecata per la Vanoli Cremona, che dopo aver sfiorata il successo nella sfida, non ha avuto la giusta lucidità di portarla a casa non trovando più la via del canestro negli ultimi minuti e vedendo così sfumare la vittoria finale. I padroni di casa pagano soprattutto una secondo tempo giocato sottotono, dove l’attacco è sceso di qualità e continuità, concedendo prima il rientro di Treviso e poi non riuscendo a capitalizzare nel finale. Per Cremona 20 punti di Denegri e 14 punti di Mccullough.

LA CRONACA 

Nel primo quarto a partire meglio sono le difese, con gli attacchi che faticano a trovare soluzioni, così dopo tre minuti Treviso è avanti 2-3. La squadra di Vitucci alza l’intensità difensiva e vola sul +8 (9-17) a tre minuti dal termine del periodo. Treviso rimane saldamente in controllo della sfida e chiude la prima frazione sul +11 (13-24). Nel secondo quarto parte meglio Cremona, che riduce il gap e si porta sul -2 (22-24) dopo tre minuti. La squadra di Cavina rimane in controllo della sfida e si porta sul +5 (34-29) a tre minuti dall’intervallo. I padroni di casa continuano a controllare la sfida e va all’intervallo sul 39-31. Nel terzo quarto la Vanoli rimane in controllo della sfida e dopo tre minuti è sul +7 (43-36). La sfida prosegue sui binari dell’equilibrio, con Treviso che riduce il gap e si porta sul -1 (46-45) a tre minuti dal termine del periodo. La gara continua a non avere un padrone e le squadre chiudono la terza frazione sul 52-52. Nel terzo quarto Cremona riesce a riportarsi avanti ed è sul +3 (60-57) a sette minuti dalla sirena. L’equilibrio continua a regnare, ma Treviso si riporta in vantaggio 68-69 a tre minuti dal termine. Treviso controlla gli ultimi minuti e vince 70-76.

QUI le statistiche del match

 

Nell’immagine Ky Bowman, foto Ciamillo-Castoria

Valerio Laurenti