TORINO – Prima della finalissima di Coppa Italia tra Virtus Bologna e Brescia, in sala stampa, si è tenuta la consueta conferenza del Presidente di LegaBasket, Umberto Gandini.

Queste le sue parole:

“Sono contento di aver avuto l’opportunità di disputare una Final Eight consueta perché, dal mio mandato, prima a Milano abbiamo giocato a porte chiuse, l’anno scorso a capienza limitata. C’è grande soddisfazione per il record storico di 36592 presenze e di biglietti venduti. Record complessivo, anche ogni singola giornata oltre 6000 mercoledì, 6391 giovedì, 11735 ieri, 11936 finale. Abbiamo aumentato del 16% il record di Pesaro 2020. Abbiamo investito sulla valorizzazione del prodotto sia campo che fuori per maggior attrattiva su tutti tipi di pubblico, va sottolineato il lavoro fatto al territorio portando oggetto desiderio Coppa Italia, come gli stand brandizzati. Abbiamo avuto oltre 6 milioni di visualizzazioni sui social, partnership strategiche Frecciarossa, Moovit e sono stati coinvolti 48 influencer. Il Comune di Torino ha svolto un lavoro straordinario, ha voluto la F8 e dimostrato di volerle. Regione. Tanti storcevano il naso su Torino, ma è stato successo. Abbiamo installato una nuovo produzione televisiva con un nuovo sistema Instant Replay, 150 partite su campi secondari. Altre attività come la cena di Gala ha raccolto 40.000 euro. Bellissima iniziativa e devo ricordare nostre società hanno versato individualmente a società piemontese. Quello fatto con Daniele Cassioli con la sua associazione abbiamo portato bambini non vedenti alle gare. Oltre 120 aziende al btb organizzato insieme ad Infront. È una cosa che rifaremo. Manca la finale fra due squadre che si sono impegnate sul campo, finale grandi nomi, basket giocato di grande livello, sorprese come accade spesso in Coppa Italia. Una dele due favorite è arrivata in finale. Numeri eccezionali”.

“Adesso godiamo successo, tante interlocuzioni con la città di Torino, vedremo se potremo avere rapporto più consolidato nei prossimi anni, difficile pensare a risposta oggi. Fiore all’occhiello LBA a cui teniamo tanto, ora presente Petrucci che ha detto di essere soddisfatto e decideremo in tempi stretti.
Ho fatto vedere a Petrucci il lavoro che stavamo facendo, i dati e non ha potuto dire nulla. Contento di esser riuscito a convincerlo e che non aveva gli elementi per dire quelle cose
L’obiettivo è fare le Final Eight di nuovo qui, maggior parte appassionati sono di generazioni fa. Dichiarazioni Malago su calo demografico, audience televisiva è stagnante, sotto gli occhi di tutti, nuove generazioni fruiscono tempo libero in maniera diversa. 18-20 tra dieci anni forza del paese, pensato e scelto linguaggio e comunicazione diversa. Portare sempre più giovani a praticare pallacanestro, filiera va mantenuta. Due anni che stiamo facendo questo lavoro, qualche dato dice che se calcio è cresciuto del 4%, la pallacanestro è salita del 7%. Quasi dieci milioni è appassionato di pallacanestro, sintomo che lavoro sta portando i frutti. Sicuramente dato incoraggiante, come lo è che da due anni a questa parte stiamo salendo di numeri, è aumentata proporzione maschi femmine. Crescita tra 14-24 e 25-34 quelli targhetizzati da nostre iniziative. Donne dal 28 al 39 per cento, dobbiamo continuare. Persona deve trovare in una delle sedici associate la possibilità di vedere il basket. Comune vuole intavolare trattativa per accordo pluriennale”

“Stupito in assoluto riuscire a vendere il soldi out esaurito sia semifinale e finale prima di sapere chi avrebbe partecipato. Lavoro sul territorio, percentuale pubblico neutro è altissime. Mi sarebbe piaciuto avere più gente mercoledi e giovedì, in settimana è dura organizzare. Non è annotazione negativa, ma formula su cui lavorare, mai edizione nei quarti di finale con tutto questo pubblico”.

“La Next Gen è possibilità 16 squadre U19 di giocare fra di loro, squadre lavorano sul settore giovanile, per cercare di elevare possibilità abbiamo cercato di farli giocare più spesso, molto importante
Serie A deve offrire miglior prodotto possibile, doveri squadre di serie A lavorare sul settore giovanili. Alcune lavorano dal minibasket, altre solo sulle squadre di vertice, ma tutte sono nella Next Gen. Attenzione prodotto e voglia di qualificarsi. Vediamo che cosa ha intenzione di portare la Federazione, il Consiglio del 2 marzo non penso possa portare proposte concrete. Carlton ha fatto tanto, bella sorpresa riportarlo nella pallacanestro, ha fatto tanto per la pallacanestro italiana, ha portato la sua storia, è stato una parte di queste F8”.

“Sicuramente le riporteremo insieme alle F8 la Next Gen, problema come tante cose è il calendario. Tutto il mondo gioca su 44 settimane non si può avere spazio per tutto”.

“Campionato è interessante, ridotti i gap, le squadre in Eurolega dopo le doppie date fanno difficoltà. Squadre top fanno traino, costringono squadre a dotarsi di giocatori di qualità maggiore, c’è sicuramente crescita competitiva ed incertezza, squadre che ballano tra salvare la categoria e playoff. Qualità partite mostra che equilibrio c’è. Non vi so dire che se il livellamento verso l’alto o bassk ma equilibrio c’è”.

Nell’immagine Umberto Gandini,