Per la quarta volta nella storia del campionato nazionale di Croazia, Zadar e Split si contenderanno il titolo in un derby di Dalmazia che, in una regione dove il basket è religione, si appresta a vivere quella che è considerata una vera e propria festa della pallacanestro locale.

La presenza delle due compagini dalmate in finale non è affatto casuale. Trattasi, infatti, delle due migliori squadre del campionato e, più in generale, della pallacanestro croata. Zadar e Split, rispettivamente, sono la prima e la seconda difesa del torneo, con la prima e seconda migliore presenza a rimbalzo, e le due migliori circolazioni di palla del campionato.

Lo Zadar, primo al termine della stagione regolare con 31 vittorie in 33 partite disputate, ha eliminato, entrambi per 2-0, Dinamo Zagabria in semifinale e Furnir Dubrava ai quarti. Lo Split, secondo con un bilancio di 28-5, ha superato, sempre per 2-0, Dubrovnik ai quarti e, in semifinale, la Cibona di Zagabria.

I matchup in campo e fuori

La serie offrirà uno scontro tra i due allenatori capaci di portare squadre croate a vincere la Lega Adriatica. Danijel Jusup, nel 2003, condusse lo Zadar di Marko Popović e Michael Meeks ad una vittoria da underdog nella Final Four di Lubiana, contro Stella Rossa e Maccabi Tel Aviv. Slaven Rimac, da parte sua, guidò la Cibona di Dario Šarić al successo nel 2014.

Altresì, Jusup e Rimac sono strateghi capaci di mettere in campo proposte cestistiche di assoluto interesse. Con un roster di giocatori polivalenti, perlopiù veterani, Jusup, allo Zadar, gioca un basket di transizione, con disciplina in difesa e piena libertà in attacco. Rimac, con una squadra a trazione americana punta più su fisicità ed aggressività difensiva.

Sul piano personale, ad influire nella serie saranno i matchup, tra cui quello tra Luka Božić e Shannon Shorter, tra Karlo Žganec e DJ Funderburk, tra Arijan Lakić e Mate Kalajdžić, ma anche tra Marko Ramljak e Boris Tišma, Dario Drežnjak e Toni Perković.

I precedenti

Il duello tra Zadar e Split sarà la quarta edizione di un derby che le compagini di Zara e di Spalato hanno già disputato, in finale, in tre occasioni, tutte vinte dallo Zadar, e tutte caratterizzate da grandi emozioni.

Nel 2008, in uno scontro tra proposte cestistiche offensive, fu lo Zadar di coach Aco Petrović, Juby Johnson, Corey Brewer, Todor Gečevski e Rok Stipčević ad avere la meglio sullo Split di coach Slobodan Subotić, Marlon Garnett, Dejan Ivanov ed Andrija Stipanović.

Dopo due vittorie casalinghe a testa nelle prime quattro gare, lo Zadar travolse lo Split in una ‘bella’ passata alla storia per essere stata l’ultima finale giocata nel palazzo dello sport di Jazine, la casa leggendaria degli Zadar di Krešimir Ćosić e Pino Giergia col professor Enzo Sovitti, e di Petar Popović e Stojko Vranković con Vlade Đurović.

Nel 2021, lo Zadar di coach Veljko Mršić vinse, ancora alla ‘bella’, una serie che lo Split riuscì a riaprire dopo due ‘scoppole’ rimediate nelle prime due gare. Per il pubblico zaratino, gara 5 fu la prima occasione di tornare alla Krešimir Ćosić arena dopo una stagione e mezza di chiusura al pubblico causa Covid.

Nel roster dello Zadar, che proponeva una pallacanestro prettamente difensiva ed interna, figuravano, tra gli altri, capitan Dominik Mavra, Antonio Jordano, Justin Carter e Chinanu Onuaku. Lato Split, guidato da Ante Karakaš e dal suo gioco maggiormente ‘corri e tira’, risaltavano, invece, Roko Leni Ukić, Luka Babić e Mario Marić.

Nella scorsa stagione, infine, lo Zadar di coach Jusup, sempre guidato da Luka Božić, Dario Drežnjak, Marko Ramljak, Karlo Žganec ed Arijan Lakić, infisse un ‘cappotto’ allo Split di Srđan Subotić, con Dominik Mavra, Shannon Shorter e Tyrrell Nelson nel proprio roster, per mezzo di ben due vittorie esterne di fila.

L’episodio decisivo di quella serie, con lo Zadar avanti 0-1 nella serie, fu un parziale di 0:7 col quale Luka Božić, da solo, portò gara 2 ai supplementari, cambiando l’inerzia sia della partita, che della serie. La quale fu poi chiusa alla Krešimir Ćosić arena di Zara con una vittoria schiacciasassi da parte della compagine di casa.

La formula della serie

La serie di finale si disputerà al meglio delle cinque partite, col fattore campo in favore della squadra meglio classificata al termine della stagione regolare.

Lo Zadar, dunque, giocherà in casa gara 1 e gara 2, mentre Split organizzerà la terza e la quarta partita della serie alla Gripe arena. Se necessaria, l’eventuale ‘bella’ avrà luogo alla Krešimir Ćosić arena di Zara.

Il programma delle finali

Zadar vs. Split – Venerdì, 24 Maggio

Zadar vs. Split – Domenica, 26 Maggio

Split vs. Zadar – Mercoledì, 29 Maggio

Split vs. Zadar – Venerdì, 31 Maggio*

Zadar vs. Split – Domenica, 2 Giugno*

*se necessario

Matteo Cazzulani

Nella foto: un gioco in pick’n’roll tra Luka Božić e Lovro Mazalin (in maglia bianca), con Vito Kučić a difendere (in maglia nera). Credits: Zvonko Kucelin / KK Zadar