Pistoia-Brindisi, due squadre che si giocano tanto con questa partita: Pistoia, in caso di vittoria, andrebbe ai playoff da neopromossa, mentre Brindisi, perdendo, sarebbe aritmeticamente retrocessa, nessuna delle due quindi vuole tornare a casa sconfitta, chi per un motivo chi per un altro.

Pistoia sembra aver indirizzato la partita con un buon +13 a fine terzo quarto ma Brindisi di lasciare questa Serie A non ne vuole sapere e così piazza un parziale di 19-1 e si porta sull’81-76 a cinque minuti dalla fine, a questo punto però sembra che i padroni di casa vogliano rimettere le cose a posto e con due canestri consecutivi si riportano sul -1, con un tira e molla continuo si arriva quindi alle fasi finali della partita, sul risultato di 87-84 per Brindisi.

2:00 da giocare e possesso per gli ospiti, Washington penetra in area e viene raddoppiato, vede sul limite della linea dei tre punti Eric Lombardi posizionato, la palla arriva all’italiano che fa un arresto e poi, senza pensarci molto, tira…la palla scuote la retina e segna, portando il punteggio sul 90-84.

Basta un altro giro di lancetta e si ripete la stessa identica situazione, con il punteggio rimasto identico, stavolta sulla linea dei tre punti c’è Xavier Sneed, un pò distante dal limite. La palla gli arriva, l’americano non ci pensa molto e, anche se Varnado esce velocemente per stopparlo, decide di tirare…il respiro dei tifosi di entrambe le squadre si ferma per un attimo, nel mentre la sfera a spicchi si avvicina al canestro e poi entra.

I giocatori di Pistoia abbassano tutti la testa, circa un minuto da giocare e il risultato dice 93-84 Brindisi, i giocatori di Sakota esultano, i successivi 57 secondi sono soltanto un periodo di tempo da far finire il prima possibile, Brindisi vince infatti 96-90 con un quarto periodo spettacolare, degno di una squadra che la parola mollare non sa neanche dove sta scritta sul vocabolario, che quindi rimane ancora aggrappata alla Serie A, anche se le possibilità di rimanerci, visto il calendario, si assottigliano sempre di più, lo fa con un uomo inaspettato, Eric Lombardi, sicuramente non il miglior tiratore della squadra, e poi con un trascinatore, Xavier Sneed, ma soprattutto vince di squadra e ora ci proverà fino in fondo a concludere in positivo quella che potrebbe rivelarsi un’impresa.

Foto di Ciamillo Castoria