Il centro dell’Olimpia Milano Kyle Hines prima della sfida di gara 1 dei playoff di Eurolega con il Bayern Monaco ha parlato del suo primo incontro con Trinchieri ad Antonio Castaldo de Il Corriere della Sera:

“Ho incontrato coach Trinchieri nel 2008 a Las Vegas. M’invitò a cena da McDonalds, per me fu un po’ strano. Mi aspettavo un ristorante di classe, avrei dovuto firmare il mio primo contratto. Invece ci ritrovammo davanti a un cheeseburger a discutere del Veroli Basket, la sua squadra. E fu convincente, mi trasferì tutta la sua energia. Sul Bayern, sono tosti, atletici, esplosivi. Baldwin è un top player, Lucic un giocatore versatile, Reynolds un ottimo rimbalzista offensivo. Una buona squadra e un equilibrato assortimento. Contro gente così è sempre difficile. Ma la stagione regolare conta fino a un certo punto. Nei playoff è tutta un’altra storia. Sulla scelta di firmare a Milano, conoscevo ilcoach dai tempi del Cska. Quando mi ha chiamato e mi ha spiegato il progetto, riportare un glorioso club come l’Olimpia in alto in Europa, mi ha coinvolto e motivato. Ho capito subito che per me sarebbe stata un’opportunità”