MVP della giornata per la nona volta nel corso della stagione, in un torneo internazionale con numeri da capogiro, ed un crescendo di prestazioni e qualità cestitica a dir poco impressionante. Luka Božić, giocatore polivalente dello Zadar, è l’atleta maggiormente performante del torneo che raccoglie il meglio della pallacanestro della ex Jugoslavia.

26 punti, 7 rimbalzi, 8 assist e 34 di valutazione a permettere allo Zadar di schiantare il Cedevita Olimpija di Lubiana in casa in uno sconto diretto per il quarto posto (88:65) sono stati la firma con la quale il ventisettenne giocatore di Bjelovar ha riaffermato il proprio dominio in un campionato caratterizzato dalla presenza di ben due squadre di Eurolega (Partizan e Stella Rossa) e due compagini di EuroCup (Cedevita e Budućnost).

Nel corso della stagione, che Božić sta affrontando come MVP della scorsa edizione del torneo, l’atleta croato, in ben due occasioni, è diventato il primo giocatore a registrare un triple-double nella Lega Adriatica. In occasione di una vittoria esterna sullo Split (75:82), Božić ha guidato lo Zadar con 28 punti, 14 rimbalzi, 11 assist e 48 di valutazione, mentre 28 punti, 12 rimbalzi, 11 assist e 44 di valutazione è stato il bottino personale dell’atleta ventisettenne nel successo dei dalmati sul FMP a Belgrado (77:92).

La mano di Božić si è vista anche e soprattutto durante vittoria casalinga dello Zadar sul Partizan nella partita di Natale del torneo (84:68), in occasione della quale il maggiore candidato al titolo di MVP del torneo, con 26 punti, 9 rimbalzi e 9 assist, è arrivato ad un soffio dallo sfoderare un ennesimo triple-double.

Altresì, 32 punti messi a segno a Lubiana, a favorire la prima vittoria stagionale dello Zadar sul Cedevita (73:79), hanno dimostrato quanto le prestazioni di Božić siano dominanti nel torneo.

La longa manus di Danijel Jusup

La ragione della crescita di Božić, che solo due anni fa si barcamenava nel campionato bosniaco e nella Seconda Lega Adriatica, è da attribuire principalmente a Danijel Jusup, coach dalla grande esperienza che ha posto Božić al centro di una proposta cestistica moderna, basata su gioco in transizione, dominio a rimbalzo, disciplina in difesa e libertà in fase offensiva.

Con un roster infarcito di giocatori alti, fisici e polivalenti, Jusup, allenatore che non lascia punti di riferimento agli avversari, non solo ha saputo risaltare le qualità di Božić sia spalle che fronte a canestro, ma è anche riuscito a mettere il ventisettenne atleta in condizione di migliorare le proprie prestazioni difensive e dal perimetro.

Sotto la guida di Jusup, Božić, nella scorsa stagione, è riuscito a guidare lo Zadar ad una storica qualificazione ai playoff di Lega Adriatica, oltre a permettere alla compagine di Zara di vincere un titolo nazionale di Croazia con un ‘cappotto’ allo Split, a ribaltare un fattore campo a sfavore.

Ça va sans dire, tali risultati hanno permesso al professionista di Bjelovar di diventare MVP sia della Lega Adriatica, che della Premijer Liga croata.

Nella stagione in corso, Božić, guardacaso nominato MVP della Final Eight, con un triple-double messo a segno nella finale contro la Cibona, ha permesso allo Zadar di vincere la Coppa Krešimir Ćosić.

 

Matteo Cazzulani

Foto: Ivica Cavka