Continua la preseason NBA, che ieri notte ha offerto altre partite di preparazione alla stagione 2020-21. Spurs – Thunder, Cavaliers – Pacers, Hornets – Raptors, Timberwolves – Grizzlies, Bucks -Mavericks.

Ieri, però, è stato un giorno speciale per gli appassionati di basket di tutto il mondo. Soprattutto per tutti quelli che tifano Golden State Warriors.

Ieri notte è infatti tornato in campo anche Steph Curry, che con i suoi Golden State Warriors ha sconfitto 107-105 i Denver Nuggets.

“E’ sempre bello vederlo in campo” ha dichiarato Coach Steve Kerr a proposito del ritorno di Curry. “E penso che stia davvero bene fisicamente. Questa è la cosa più importante. Ha lavorato così duramente nella offseason ed è in gran forma. Ora si tratta solo di alzare un pò il ritmo, ma sicuramente è uno spettacolo per gli occhi”.

Curry ha tirato 3-10 dal campo, segnando 10 punti in 21 minuti, ma la sua prestazione è andata ben oltre i numeri e le statistiche. Il numero 30, infatti, non giocava dalla scorsa stagione a causa di un infortunio alla mano sinistra.

Sicuramente un ritorno importante quello di Curry, tenuto conto che Klay Thompson, dopo aver già saltato l’intera passata stagione per la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro, si è recentemente infortunato al tendine d’achille e dovrà saltare anche la prossima stagione.