Vittoria pesante per la Bertram Tortona in ottica playoff. Nell’anticipo della 28° giornata di LBA, i piemontesi orfani di Kamagate si impongono nettamente su Pesaro e, in virtù dello scontro diretto di domani fra Trento e Napoli, si assicurano così la permanenza fra le prime otto con due partite da giocare.

Decisivo l’allungo dei bianconeri nel secondo periodo grazie alle giocate di Obasohan e Baldasso, ma il dato che spiega il risultato finale è quello dei rimbalzi. Anche privi del loro centro titolare, gli uomini di De Raffaele dominano sotto i tabelloni (42-26) procurandosi svariati extra possessi, e impedendo così agli attaccanti avversari di entrare in ritmo.

Pesaro resta in penultima posizione e manca quindi la prima occasione buona per tirarsi fuori dalla zona retrocessione. I marchigiani restano in attesa di quelli che saranno i risultati di domani di Treviso e Varese.

LA CRONACA

Tortona parte fortissimo con un 4/5 da oltre l’arco sfruttando le iniziative di Ross e Obasohan per il primo allungo sul 18-9, Sacchetti deve già fare i conti con due falli di Wright-Foreman ed è costretto al primo timeout. Gli ingressi di Visconti e Love danno energia e qualità alla manovra dei marchigiani, che con un parziale di 11-0 concluso da Cinciarini chiudono addirittura avanti la prima frazione sul 21-22.

La seconda frazione si apre con un altro strappo della Bertram grazie allo scatenato Obasohan e a Baldasso. Weems in contropiede inchioda il primo vantaggio in doppia cifra della serata, Pesaro è imprecisa da oltre l’arco e i padroni di casa ne approfittano: è 44-33 a metà partita.

Terzo periodo che scorre senza particolari scossoni. Tortona amministra bene il vantaggio impedendo all’attacco avversario di mettere in ritmo i propri realizzatori, ma allo stesso tempo non riesce a calare il colpo del ko con Visconti che continua a tenere a galla gli ospiti. Una tripla di Weems vale il 68-54 quando si entra negli ultimi 10 minuti.

Gli ultimi assalti pesaresi sono sull’asse Cinciarini-Love, respinti però dai rimbalzi offensivi piemontesi e dalle triple di Baldasso e Weems. L’ennesima bomba dell’ex Olimpia per il +17 a cinque minuti dalla fine manda i titoli di coda: termina 94-76.

BERTRAM DERTHONA TORTONA: TOP

TOMMASO BALDASSO: Un autentico show balistico per l’ex Olimpia che scava l’allungo decisivo del secondo parziale e nella ripresa respinge qualsiasi assalto avversario trovando anche canestri di altissima difficoltà. Per lui 23 punti con 6 triple a bersaglio.

RETIN OBASOHAN: Cancella letteralmente Wright-Foreman e non va troppo lontano da una clamorosa tripla doppia ottenuta quasi “in silenzio”. Per il belga ci sono 14 punti, 8 rimbalzi e 7 assist.

BERTRAM DERTHONA TORTONA: FLOP

TASHAWN THOMAS: Gli infortuni di Kamagate e Radosevic dovrebbero rappresentare per lui un’opportunità per riguadagnare importanza nelle gerarchie di De Raffaele, che invece visto il suo scarso rendimento finisce per preferirgli un lungo atipico ma più diligente come Zerini.

 

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: TOP

RICCARDO VISCONTI: È lui a guidare il parziale pesarese della prima frazione e l’ultimo ad alzare bandiera bianca, dimostrando di sapersi rendere utile in attacco anche quando le percentuali da lontano non sono delle migliori. 11 punti in 19 minuti.

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: FLOP

MARKIS MCDUFFIE: I 22 punti finali possono trarre in inganno, perchè arrivano in gran parte a match ormai concluso con Tortona saldamente in controllo sul +20. L’ala americana in più di un’occasione “dorme” a rimbalzo senza compensare con il suo talento nell’altra metà campo.

TREVON BLUIETT: In una delle partite più importanti della stagione si prende appena due tiri, sbagliandoli entrambi. Anche lui è disattento a rimbalzo, come tutta la difesa pesarese a eccezione forse del solo Ford.

LE PAGELLE

BERTRAM DERTHONA TORTONA: Zerini 6.5, Ross 6, Dowe 6.5, Candi sv, Tavernelli sv, Strautins 6, Baldasso 8.5, Severini 6.5, Obasohan 8.5, Weems 7, Thomas 5.5, Radosevic sv. Coach De Raffaele 7.

CARPEGNA PROSCIUTTO PESARO: McDuffie 4.5, Bluiett 4.5, Visconti 6.5, Wright-Foreman 5, Ford 5, Maretto ne, Tambone 5, Cinciarini 6, Mazzola 5.5, Faine ne, Love 5.5. Coach Sacchetti 5.

 

Qui i tabellini

Nell’immagine Tommaso Baldasso, foto Ciamillo – Castoria

Di Massimo Furlani