Janis Blums è intervenuto ad il Resto del Carlino dopo esser stato tagliato nella giornata di ieri dalla Pallacanestro Reggiana, queste le sue parole:

“In 22 anni di carriera questa è la prima volta che mi succede di esser tagliato durante la stagione, ma fa parte della mia professione e purtroppo a volte capita. Non ho rancore, ho sempre cercato di dare il massimo: da agosto fino a quando è arrivato il Covid non ho saltato nemmeno un allenamento. Diciamo che dopo il Covid sono cambiate un po’ di cose, io stesso ho fatto molta fatica a riprendermi, ma allo stesso tempo non potevo accettare di restare quì a scaldare la panchina per 35 minuti ad ogni partita. A giocare in Lettonia direi di no: lì ho già vinto cinque campionati e non avrei grandi motivazioni. Voglio continuare a giocare, perchè credo di avere nelle gambe almeno 25 minuti di buon livello, mi piacerebbe restare in Italia, magari in una squadra di A2, che sappia utilizzarmi al meglio. Ora ho solo il basket in testa e a febbraio voglio giocare con la mia Nazionale”