BOLOGNA – Al termine di Fortitudo Bologna-Reggio Emilia, ha parlato in sala stampa il coach dei biancoblu, Jasmin Repesa.

Questo il commento della squadra uscita sconfitta 67-80:

“Vorrei ringraziare per l’accoglienza del pubblico che mi ha fatto questa sera. È un periodo difficile e in questi giorni non ho parlato molto. Siamo veramente indietro. Ancora non siamo riusciti a fare un allenamento 5 contro 5 e non siamo in grado di affrontare una squadra organizzata come Reggio Emilia.
Da una parte c’è dispiacere perché è una gara ufficiale. Chiedo al pubblico di stare vicino alla squadra perché questi ragazzi meritano. Meritano perché hanno dimostrato di rimanere con la testa quando la partita sembrava finita.
Dobbiamo lavorare tantissimo su tutto, dall’attacco alla difesa. Ma senza ritiro e senza allenamenti è veramente difficile. Dobbiamo affrontare queste partite per conoscerci meglio. Dobbiamo continuare compatti insieme tutti i giorni.
Ci abbiamo provato a competere, ma in questo momento non siamo in grado. Durante time-out sto chiamando giochi che non abbiamo mai visto in allenamento”.

Le difficoltà sugli esterni. “Tutti dobbiamo migliorare giorno dopo giorno. Baldasso ha fatto quello che ha potuto, mi piace il suo carattere, ma anche lui deve lavorare tantissimo. È un ragazzo trasparente, orgoglioso. Per questo deve mettere energia e aggressività come ha fatto nel quarto quarto”.

Su Procida. “Innanzitutto non si è allenato con noi. Ancora non è pronto, lo dobbiamo aspettare. Deve capire il posizionamento sia in attacco che soprattutto in difesa. Ha subito tanto oggi, soprattutto in difesa con blocchi in cui non aveva i piedi posizionati giusti”.

C’è soddisfazione sull’attitudine lavorativa di squadra. “Certo che si. Dobbiamo essere connessi e lavorare più insieme. Le basi di partenza ci sono, ma servono allenamenti. Ci sono tanti giocatori nuovi che non hanno mai giocato insieme”.

Il rientro di Fantinelli e Totè. “Dobbiamo creare una fortezza attorno alla squadra, andare avanti compatti. Quando abbiamo costruito la squadra, avevamo messo in conto di essere tutti pronti. Invece così non è stato, chi lavora sbaglia…”

Si può arrivare pronti per ol campionato. “Sto aspettando di finire questa Supercoppa per cominciare a fare allenamenti seri. In questi giorni non possiamo farli perché sarebbe troppo pericoloso per gli infortuni”.

 

Foto Ciamillo-Castoria