L’esterno classe 1993 dell’Olimpia ha raggiunto tale traguardo nel corso dell’ultima gara di campionato contro la GeVi Napoli. Il quattordicesimo turno della Serie A UnipolSai 2022/23 non ha portato in dote molte soddisfazioni all’EA7 Emporio Armani Milano, sconfitta dopo un tempo supplementare per 87-81 al PalaBarbuto dalla GeVi Napoli di coach Cesare Pancotto.

Contro quest’ultima l’Olimpia, reduce dalla vittoria esterna ottenuta lunedì 2 gennaio sul campo della Virtus Bologna, ha perso l’occasione per allungare in classifica proprio sulla compagine felsinea nonostante la miglior performance realizzativa di sempre in Serie A di Baron Davies (autore di 28 punti), la sesta gara consecutiva in doppia cifra di Timothè Luwawu-Cabarrot e il miglior Stefano Tonut della stagione.

Costui infatti, nei 29 minuti in campo (mai così tanti quest’anno) contro i partenopei, ha eguagliato i propri massimi stagionali per punti (10) e rimbalzi catturati (4) facendo segnare al contempo i propri highs in valutazione (9), tiri totali e da due punti segnati (5) e rimbalzi offensivi (2).

Con l’unico pallone recuperato contro la GeVi invece il nativo di Cantù ha raggiunto quota 3 recuperi con la maglia di Milano, un numero sufficiente per permettergli di toccare quota 200 nel primo campionato italiano, torneo dove, nelle 8 stagioni disputate complessivamente con le maglie di Reyer Venezia e Olimpia, vanta un massimo di 4 recuperi in una singola gara e 42 in una singola stagione (nel 2020/21).

Tonut, tra i miglior 25 recupera-palloni in Serie A nelle ultime due stagioni e arrivato a 276 recuperi in carriera considerando anche Supercoppa Italiana, Coppa Italia e competizioni internazionali, è così diventato il secondo giocatore a tagliare questo traguardo all’interno del roster dell’EA7 Emporio Armani dopo Gigi Datome, il solo, con 324, a poter vantare un maggior numero di palloni recuperati nella prima lega nostrana tra i giocatori biancorossi.

Fonte: legabasket.it