Gara 1 di playoff al Pala Ferraris tra Derthona Reyer Venezia, la sfida tra quarta e quinta è realtà con differenti storie a confronto. Padroni di casa al completo, ospiti senza Daye.

CRONACA

Venezia si prende una gara 1 di vitale importanza grazie ad un secondo tempo straordinario e con una prova difensiva eccellente, attuata soprattutto su Macura e Daum. Primo quarto di marca piemontese con Wright e Cain a dettare legge ed una Reyer in difficoltà soprattutto a rimbalzo. Watt spende 2 falli e si chiama fuori parzialmente dal match, Bramos e Brooks troppo soli. Nel secondo periodo gli ospiti trovano linfa da Vitali, Mazzola e Theodore, che entrano nella serie mettendo in difficoltà le rotazioni difensive del Derthona. Pimpante l’avvio di ripresa con Macura a prendersi la squadra sulle spalle e Venezia che mette canestri importanti con il suo lungo più importante, Mitchell Watt. Bramos e Stone sono fondamentali nel mettere i canestri dell’allungo con un jumper ed una tripla dall’angolo allo scadere del 30′: 53-59. Wright è l’ultimo a mollare, Macura prende un tecnico, Watt alza il volume della radio ed archivia la pratica Derthona in anticipo: Bramos ne segna 5 consecutivi, Venezia vola via nonostante la tripla di Daum. Al 40′ è 66-77.

Una vittoria meritata ed indiscutibile per Venezia, che vince in casa di Derthona per la prima volta in stagione: il fattore campo cambia già padrone, Watt, Bramos i migliori, Wright e Cain i migliori per Ramodino, tradito da un Daum decisamente negativo e poco brillante contro la fisicità lagunare. Ancora una volta è determinante il controllo del ritmo: Venezia vince così, con personalità ed esperienza.

 

QUI il tabellino

Daniele Morbio

Foto Ciamillo-Castoria