È ufficialmente iniziata la stagione 2022/2023 della Reyer Venezia, dove nel pomeriggio di oggi, Martedì 5 Luglio, è stato presentato alla stampa al Palasport Taliercio la nuova guardia/ala Riccardo Moraschini, proveniente dall’Olimpia Milano.

Ad aprire la conferenza stampa, come di consueto, è il presidente Federico Casarin: “Buongiorno a tutti e grazie ed è un piacere ritrovarvi anche perché oggi sancisce l’inizio della prossima stagione, quindi è una ripartenza e siamo molto contenti. Sono un po’ particolarmente felice di essere qui con Riccardo, ne parlavamo poco prima io e lui ed era un po’ di anni che ci contattavamo, che cercavamo di trovare la soluzione e finalmente è arrivata e sono veramente felice come club ma anche personalmente che Riccardo faccia parte di questa squadra per la prossima stagione. Sarà una stagione importante e che vede anche avversari molto ma molto importanti, dobbiamo farci trovare pronti e siamo convinti insieme a Riccardo e con i giocatori confermati e quelli che arriveranno faremo una stagione da protagonisti per ritrovare quell’entusiasmo e quella gioia che negli anni passati abbiamo regalato e ci siamo regalati.” 

Ora la parola passa al neo – arrivato Riccardo Moraschini: “Buonasera a tutti e grazie. Sono molto contento di essere qui oggi, innanzitutto volevo ringraziare il Presidente Casarin, Walter De Raffaele e in generale tutta la Reyer per avermi accolto bene. Sono molto contento perché fin da subito ho avuto la sensazione di sentirmi di nuovo un giocatore importante, questi sono mesi veramente difficili per me e quindi è un’emozione e una sensazione molto bella, ritrovata dopo tanto tempo quindi non vedo l’ora di ricominciare, di iniziare e fare quello che mi piace più di tutti, cioè giocare a basket, divertirmi con la squadra, con i tifosi, con i compagni e spero che sia un anno nuovo, come ha detto il Presidente, per tutti e bisogna ripartire con grandi stimoli, con grande voglia di fare e sono convinto che riusciremo a fare bene ed a coinvolgere l’entusiasmo della città, dei tifosi e di tutto l’ambiente Reyer.” 

 

BM: Che impressione ti ha lasciato Venezia vista da fuori, come avversario? 

“Il timbro d’ avversario della Reyer è sempre stato la grande intensità e fisicità: ed è proprio il marchio di fabbrica che ho sempre visto in questi anni giocandoci contro e penso che si voglia continuare sotto questo trend. Penso di rispecchiare a livello di caratteristiche fisiche proprio quello che il coach richiede. Sono sempre state delle battaglie molto dure, soprattutto qui in questo palazzetto, e sono contento di poterle affrontare con la maglia giusta, quindi bene così.” 

 

Chiara Morbio

Foto: Andrea Gilardi