Alla Bondi Arena di Ferrara hanno preso il via le Finali di serie B. Due le promozioni in palio per l’A2, che saranno decretate alle prime due classificate al termine del girone all’italiana. A contendersele, Vigevano, Orzinuovi, Sebastiani Rieti e Luiss Roma. Quattro squadre arrivate con percorsi differenti simili ma ambizioni differenti. Orzinuovi è alla caccia del ‘triplete’, dove aver già vinto la Supercoppa e la Coppa Italia di categoria. Rieti è l’autentica corazzata, da tre anni costruita per il salto che però è sempre sfuggito. Vigevano è quella che arriva con il miglior stato di forma, dopo aver sorpreso la Libertas Livorno nella finale del proprio raggruppamento. Roma è invece la sorpresa, ha primeggiato nel girone D e con merito seppur dopo cinque gare ha battuto Fabriano e conquistato un posto per Ferrara. Già questo vale tantissimo per la compagine romana.

La prima partita delle Finali di serie B ha visto scendere sul parquet Vigevano e Orzinuovi. Due formazioni che già hanno avuto modo di affrontarsi in Coppa Italia, e in quella occasione a vincere sono stati gli orceani. Questo match è però tutt’altra storia, con i vigevanesi capaci di condurre sin dalla palla a due. La squadra di coach Piazza, sempre in vantaggio nel primo tempo, ha dimostrato di essere in gran forma. Soprattutto, con il gioco corale ha fatto capire perché è arrivato sino al grande appuntamento di Ferrara. Orzinuovi ha dovuto centellinare Ponziani, che non è sembrato al meglio ma stringendo i denti ha provato a dare il suo contributo. Dall’altro lato due triple di Benites, uno dei migliori nella serie di Vigevano contro Livorno, ha scavato il solco che all’intervallo vedeva proprio la sua squadra avanti 37-33. Migliori marcatori gli ex di giornata Peroni con 10 punti e Leonzio con 15. Nella ripresa il leit motiv dell’incontro non cambia, anche se al 25′ la tripla di Gasparin regala il primo vantaggio ad Orzinuovi (43-45). E’ la difesa della squadra di coach Calvani che mette un po’ in difficoltà Vigevano, che però non perde la concentrazione e pian piano torna a segnare con continuità, e con Mercante trova addirittura il +8 sul finire del terzo quarto. Gli orceani ovviamente non ci stanno, e iniziano gli ultimi seicento secondi con le triple di Planezio e Gallo che valgono il -1 a 7′ dal termine, costringendo al timeout Vigevano. La penetrazione di Trapani vale il secondo vantaggio di Orzinuovi (57-58), che però proprio come in precedenza, subisce il ritorno degli avversari. E’ Broglia, decisivo in diverse situazioni, ad indicare la strada ai vigevanesi che questa volta scappano per davvero e conquistano i primi due preziosi punti di questo concentramento promozione grazie al risultato finale di 76-64 (qui le statistiche complete).

Il secondo match di giornata vede il derby laziale tra Rieti e Roma. Quinta sfida in questa stagione tra le due squadre, seppur non inserite nello stesso girone. Precedenti nettamente a favore degli amarantocelesti di coach Dell’Agnello, vittoriosi quattro volte su quattro. L’inizio di gara è molto brutto, con le compagini che segnano col contagocce. Dopo 8′ di gioco siamo 8-8, cosa che vuol dire viaggiare a 1 punto per minuto. Il tutto è causa di percentuali basse, con la Luiss che affretta i tiri dalla distanza mentre Rieti è imprecisa anche vicino al canestro. Un sussulto nel finale del quarto inaugurale è di Piazza, che timbra due triple per il vantaggio rietino 13-12 al primo pit stop. Si continua a giocare in maniera molto rivedibile e aumentano anche le palle perse, più per demeriti degli attacchi che per un reale merito delle difese. Rieti arriva a segnare 2 punti in 5′, con i luissini che scappano sul +6 con D’Argenzio e Pasqualin che fanno pentole e coperchi. Tomasini prova ad infiammare gli amarantocelesti, ma sono i recuperi con schiacciata di Mazzotti e Chinellato che spingono Rieti sul 31-28 ad 1′ dall’intervallo. Nella ripresa la squadra di coach Paccariè tiene botta, costringe gli avversari a diversi errori e dopo aver trovato il pareggio a quota 38 passa a condurre con la tripla di Legnini. Si continua a giocare sul filo dell’equilibrio fino a quando non arriva il parziale della Sebastiani che griffa il +7. Fallucca interrompe il break e dà il là alla rimonta luissina che ribalta la situazione e poi tocca il +8 all’ultimo giro d’orologio. Nonostante qualche patema finale, Roma sorprende Rieti e vince 69-65 (qui le statistiche complete).

Domani si ritorna subito in campo. Alle ore 18 Vigevano affronta la Luiss, in un match che potrebbe già essere decisivo per avere la prima squadra promossa. Mentre alle 20:30 ci sarà lo scontro fratricida tra Orzinuovi e Rieti, le due formazioni che sulla carta sembravano le grandi favorite e che invece si ritrovano spalle al muro e sono costrette a vincere per rimanere in corsa. Per chi uscirà sconfitta la promozione potrebbe diventare un amaro rimpianto.

Giovanni Bocciero

 

Foto credits LNP Foto/Ciamillo-Castoria