FORLÌ –  Il derby di Romagna è senza storia. Forlì alla UnieuroArena si divora Rimini con un nettissimo 87-65.
Il risultato è perentorio e non è mai stato in discussione. Sin dalle primissime battute i padroni di casa hanno fatto valere la propria superiorità. Sotto tutti i punti di vista: tattico, tecnico, fisico e dell’esperienza. La squadra di Antimo Martino ha tramortito Rimini in avvio con una serie di triple mortifere. Il cecchino è Nathan Adrian.
Poi nel corso della gara l’ex Brindisi ha rallentato il ritmo (aveva segnato 11 dei primi 14 punti forlivesi), ma in compenso sono emerse altri uomini del roster come Daniele Cinciarini, Giulio Gazzotti e Luca Pollone.
La differenza di classifica e di tasso tecnico questa sera si sono visti e sentiti tutti. D’altronde da una parte c’era una squadra costruita per vincere, dall’altra una neopromossa il cui obiettivo è una salvezza.
Ma essendo un derby, sentito (le tante presenze all’ex PalaFiera lo attestano) ci si aspettava una gara più combattuta.
I ragazzi di Mattia Ferrari hanno opposto troppa poca resistenza. Solo Derek Ogbeide è stato incisivo, dimostrandosi uno dei migliori centri della categoria, e poco altro.
Per Forlì che mantiene il primato nella classifica del girone rosso di A2 ci sono 19 punti di Adrian, 18 di Valentini, 12 di Cinciarini, 10 di Pollone e 10 di Gazzotti.
Per Rimini vanno in doppia Ogbeide con 18 punti, Anumba con 15 e Bedetti con 10. 

La cronaca 

Inizio sprint di Forlì che con Adrian e Valentini piazza in avvio un parziale di 7-0. I padroni di casa continuano a martellare con continuità la retina rivale. Adrian è infallibile da tre (11 punti personali in un amen), Cinciarini e Gazzotti lo seguono. La prova offensiva di Forlì è degna di nota, solo Ogbeide per Rimini scongiura il prematuro tracollo: 26-18 al termine de primo quarto.
La Unieuro comincia ancora a marce spedite, ma Rimini ha un sussulto con Anumba e Landi: 31-25 a 6’ dall’intervallo.
Dopo il timeout di Martino però rientra in campo la Forlì di inizio partita. Adrian, Cinciarini E Sanford segnano canestri pesanti, Rivierabanca arranca e fatica a trovare la via del canestro: 46-31 all’intervallo.
La ripresa dei giochi è caratterizzata da parziali e contro parziali. Al 6-0 di Rimini, risponde il 7-0 di Forlì: 55-39 dopo 5’.
Ma l’Unieuro è molto più in partita. Pollone e Gazzotti fanno la voce grossa e Forlì chiude i primi 30’ avanti 66-47.
Il quarto periodo è pura accademia. Forlì vince il derby di Romagna per 87-65. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo