Milano continua la sua marcia in campionato battendo nettamente Reggio Emilia sul punteggio di . L’Olimpia continua a rimanere imbattuta al Forum in LBA, trovando la sua sesta vittoria consecutiva . La squadra di Ettore Messina ancora una volta dopo le delusioni d’Eurolega, reagisce subito in campionato e lo fa dando una risposta rabbiosa ed aggressiva, che gli permette di rimanere in scia alla Virtus Bologna a quota nove vittorie ed un solo ko (arrivato in casa di Venezia). Milano torna a far vedere i fondamentali che l’avevano portata al successo nella scorsa stagione, una difesa arcigna che ha concesso veramente poco a Reggio Emilia ed un attacco cinico ed efficace, capace di render vane tutte le strenue resistenze della squadra ospite. Una prova corale, dove tutti i giocatori entrati in campo sono andati a referto ed in cui ognuno ha saputo apportare il proprio mattoncino alla causa, chi maggiormente in fase offensiva (come Mitrou-Long), chi maggiormente in fase difensiva (come Johannes Voigtmann). Reggio Emilia, che ha da poco cambiato la sua guidata tecnica in panchina (via coach Max Menetti e dentro Dragan Sakota), incappa nella quinta sconfitta consecutiva in campionato ed ora la situazione inizia a diventare critica, sopratutto in un campionato così equilibrato come la serie A. Nelle fila dell’Olimpia arrivano 13 punti di Luwawu-Cabarrot, 12 di Giampaolo Ricci e 9 di Naz Mitrou-Long. Il team reggiano, orfano di Andrea Cinciarini, prova a rimanere in partita, ma resiste solamente due quarti, poi nella ripresa dilaga definitivamente Milano, raggiungendo anche il +26 (76-50), permettendosi anche di lasciare il piede dall’acceleratore nella quarta frazione di gioco e di allungare le rotazioni in vista del doppio impegno di Eurolega. Buoni segnali si sono intravisti, ma questo non era l’avversario giusto per cercare di invertire sin da subito la rotta nel massimo campionato italiano, soprattutto vista la forza dell’avversario e le motivazioni con cui arrivava alla partita. Dunque il primo vero test per il nuovo head coach Dragan Sakota, dove potrà iniziare a vedere a che punto è la squadra sarà nella prossima giornata contro la Reyer Venezia. Per Reggio Emilia arrivano 14 punti di Michele Vitali, 13 punti di Sacar Anim e 13 punti di Osvaldas Olisevicius.

QUI le statistiche del match

 

Nell’immagine Timothe Luwawu-Cabarrot

Valerio Laurenti