Servono 15 minuti a Pesaro per ingranare ma poi quando lofa non c’è proprio storia. La Carpegna Prosciutto alla VitrifrigoArena batte Treviso per 101-72. È una vittoria importantissima per la squadra marchigiana che non solo riscatta il momento difficile fatto di infortuni e due sconfitte di fila, ma si assicura la qualificazione alla Final Eight di Coppa Italia. Un risultato meritato per tutto ciò che i biancorossi hanno mostrato nel girone d’andata.
E questa sera dopo il momento iniziale della partita, hanno dimostrato di essere superiori anche nettamente ad una Treviso comunque coriacea. Il parziale decisivo è arrivato nel terzo quarto, quando gli uomini di Repesa hanno piazzato un parziale iniziale di 14-0 che poi è diventato 32-14 al termine dei 10’.
La VL ha trovato in tanti uomini i protagonisti dai soliti Kravic e Abdur-Rahkman, ma soprattutto ai micidiali italiani: Moretti, Visconti e Tambone.
Per Treviso nella ripresa non c’è stato proprio nulla da fare. Nicola ha ritrovato Sokolowski nelle sue rotazioni, ma ha comunque continuato a dare fiducia ai più giovani (Sarto partito titolare, Faggian e Scandiuzzi).
Per la VL ci sono 21 punti di Kravic, 19 di Moretti, 17 di Visconti, 14 di Abdur-Rahkman e 10 di Tambone.
Per  Treviso invece arrivano 19 da Iroegbu e 16 da Banks. 

La cronaca 

Avvio di partita molto equilibrato. Se Treviso prova a fare un parziale, Pesaro è pronta a rispondere, in particolare con Moretti: 17 pari dopo 6’.
La Nutribullet muove bene la palla e Zanelli piazza la tripla centrale del 25-19 che poi diventa 27-21 in favore dei veneti al termine del primo quarto.
È buono l’approccio della VL nel secondo quarto. Gli uomini Repesa agguantano il pari a quota 28 a 5.30 dall’intervallo.
Continua a vigere equilibrio e alla pausa lunga si va sul 41-40 in favore dei padroni di casa.
Alla ripresa dei giochi c’è solo Pesaro in campo. Gudmundsson fa impazzire di gioia i suoi tifosi con la tripla del +10 (52-42). Il blackout offensivo di Treviso si protrae fino ad un 14-0 di parziale che significa 58-42. Il primo canestro dal campo dei veneti arriva dopo 5.30 di gioco.   
La Carpegna Prosciutto non si ferma più e chiude i primi 30’ addirittura avanti 73-54.
Totè – ad inizio quarto periodo – commette fallo antisportivo che – sommato al tecnico del primo quarto – significa espulsione. Ma la partita ormai è in discesa per Pesaro, tanto che la VL la conduce fino al 101-72 finale. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Matteo Tambone, foto Ciamillo-Castoria