Le parole dei due coach, quello di Verona Alessandro Ramagli e quello di Pesaro Jasmin Repesa, dopo il loro scontro nell’undicesimo turno di LBA:

ALESSANDRO RAMAGLI:

“Ci manca qualcosa per poter battere queste squadre e si vede in taluni frangenti della partita. E’ qualcosa che si chiama stabilità, solidità e disciplina e anche un po’ di qualità. Se dobbiamo pensare allo sforzo profuso, dobbiamo dire che c’è stato e ed è stato significativo. Però se nei momenti topici della gara prima lasci che loro ti scappino via poi, nella parte finale della partita, non concretizzi nelle due metà campo alcuni possessi che anche l’ultimo degli spettatori vede che hanno un peso specifico decisivo nella gara. Quando non riesci a farlo vieni punito da una squadra che ha dimostrato una solidità importante. Per battere questo tipo di avversari noi dobbiamo andare oltre allo sforzo trovando un livello di disciplina di stabilità e anche di qualità che ti permetta di fare le giocate giuste nel momento corretto cosa che non siamo riusciti a fare. La vittoria di Pesaro è meritata, sarebbe ingeneroso parlare di mancanza di voglia, determinazione e dedizione: queste non sono mancate mai. Quando però la partita prende un certo tipo di taglio, in quel taglio devi essere in grado di fare cose che nella parte finale della gara non siamo riusciti a fare. Questa è la sintesi che va al di là delle statistiche. In certi momenti abbiamo fatto due errori banalissimi che hanno lasciato due tiri aperti da tre punti. Arriviamo a certi momenti in cui facciamo fatica ad avere stabilità, solidità e disciplina che servono per vincere partite come questa”.

JASMIN REPESA:

“Faccio i complimenti ai miei ragazzi per questo bel successo frutto di un bel basket messo in mostra nel corso della prima parte di gara. Però devo anche sottolineare che abbiamo avuto dei momenti di difficoltà come visto in occasione di troppe palle perse e cattive letture di varie situazioni di gioco. Negli ultimi cinque minuti del match con Mazzola da 5 e Cheatham da 4 siamo riusciti a essere fluidi in attacco e a controllare un buon numero di rimbalzi. Puntiamo a raggiungere le Final Eight di Coppa Italia, questa vittoria è importante per permetterci di avere una maggiore continuità. Rispetto ai match contro Trento e Napoli abbiamo fatto vedere molta più maturità”.