Dopo l’espulsione maturata nella gara dell’altra notte a Phoenix, la terza della sua stagione, Draymond Green è stato sospeso a tempo indeterminato dalla NBA. Prima di poter tornare in campo, l’ala degli Warriors dovrà ora impegnarsi in un percorso riabilitativo da affrontare con il supporto della lega e della sua franchigia .

Dramond Green: NBA usa la mano pesante

Ilcolpo al volto di Jusuf Nurkic costa caro a Draymond Green. La mossa della NBA era attesa ed è arrivata con un comunicato ufficiale emesso poche ore fa.

L’ala degli Warriors è stata sospesa a tempo indeterminato, una decisione con pochi precedenti e che prevede per Green l’avvio di un percorso riabilitativo a cui dovrà sottoporsi con l’ausilio della lega e della sua franchigia prima di poter tornare in campo.

La decisione non avrebbe incontrato alcuna opposizione da parte dell’associazione giocatori, tanto meno da parte della dirigenza degli Warriors o dall’entourage del giocatore.

Lo stesso Green, accompagnato dal suo agente Rich Paul, dovrebbe incontrare oggi il general manager di Golden State Mike Dunleavy Jr. per definire i primi dettagli del percorso.