di Maurizio Roveri
Stati Uniti, Canada, Australia, Cina. Ecco le semifinaliste nell’edizione 2022 della FIBA Women’s Basketball World Cup. In corso a Sydney, in Australia.
Nei Quarti di finale dei Playoff il “Dream Team” americano della coach Cheryl Reeve ha schiantato la Serbia sotto il peso di un divario di 33 punti (88-55). Particolarmente in luce Kelsey Plum con 17 punti e 4 assist, anche una A’ja Wilson da 71.4% al tiro e 100% nei liberi, e una Alysa Thomas da 14 rimbalzi. Proprio Alysa Thomas, power forward delle Connecticut Sun in WNBA (e l’esperienza maturata anche in quattro stagioni di Euroleague con la squadra ceka dello ZVVZ USK Praga) ha fatto registrare in questa partita un notevole +30 di Efficiency.
Proseguono la loro corsa da imbattute (e presumibilmente da imbattibili) le cestiste statunitensi in questa edizione dei Campionati Mondiali. Hanno vinto tutte le partite: le cinque della fase a gironi e questa sfida dei quarti di finale. Stanno viaggiando su livelli impressionanti: 104 punti di media! Con il 53% nel totale tiro. E 47 rimbalzi a partita (addirittura 52 contro le serbe).  Un attacco di spaventosa concretezza e potenzialità, che domani in semifinale si misurerà con l’orgoglio difensivo del Canada.
Già, il Canada. Un gruppo solido, organizzatissimo dentro quel suo sistema di gioco tatticamente equilibrato e ordinato. Continuano a farsi apprezzare, le ragazze canadesi allenate da Victor Lapena. La struttura difensiva del Canada ha bloccato il Portorico a 60 punti nel match dei quarti di finale, costringendo il team caraibico al 35.8% al tiro. Esce dunque due scena Arella Guirantes, la stella del Portorico. Questa ventinovenne shooting guard, che gioca con Miskolc in Ungheria, è stata la migliore realizzatrice delle prime 6 partite del Mondiale di Sydney. Con un totale di 109 punti prodotti (media 18.2).
La Cina della “gigantessa” Hu Han (2,08), della solida power forward Jijing Huang e della diabolica Meng Li (16 punti di media in questi Mondiali) ha fatto fuori la Francia. Con 23 punti e 55% al tiro proprio della concreta e incisiva Meng Li, nominata “Player of the Game”. Alla Francia di coach Toupane non sono bastate le ottime Marine Fauthaux e Gabby Williams per evitare la sconfitta e l’eliminazione.  Finiscono così i Mondiali di Iliana Rupert, la giovanissima pivot che ora – dopo gli impegni in WNBA dove ha vinto il titolo con Las Vegas e i campionato mondiali in terra australiana – potrà essere a disposizione della Virtus Segafredo. Nel campionato italiano e in Euroleague.
La Nazionale australiana, padrona di casa e considerata la possibile anti-USA, ha prodotto una convincente prestazione nei quarti di finale eliminando il Belgio (senza Emma Meesseman, a referto ma non utilizzata) con un chiaro 86-69. Partita di grande consistenza da parte di Cayla George. L’espertissima ala delle Melbourne Boomers ha trascinato la Nazionale “Aussie” con 19 punti, 9 rimbalzi e 23 di Efficiency.
RISULTATI
Playoff, quarti di finale:
USA – Serbia          88-55
Canada-Portorico  79-60
Cina – Francia.       85-71
Australia – Belgio.  86-69
Semifinale, il programma (domani, venerdì 30 settembre al SuperDome di Sydney):
USA – Canada, ore 9 locali (le 17 italiane);
Australia – Cina, ore 11,30 locali (le 19,30 italiane).