Milano dopo il successo ottenuto contro la Stella Rossa in Serbia riesce a trovare la seconda vittoria consecutiva sconfiggendo la capolista Monaco 79-71 al Forum. Nel debutto in Eurolega di coach Mario Fioretti (che sostituiva Ettore Messina colpito da attacco influenzale) la squadra meneghina, che trova il primo successo casalingo della sua stagione europea (finora aveva raccolto solo sei sconfitte), gioca una gara in cui butta tutto cuore, recuperando da -17 (39-56 a metà terzo periodo) e spuntandola nel finale sospinta dalle triple di Ricci e Baron e con la fisicità di Brandon Davies nel pitturato. La svolta per la squadra meneghina è stata l’espulsione di Kyle Hines (avvenuta per un doppio tecnico a fine terzo quarto dopo aver protestato per un contatto non fischiato su Mitrou-Long), da lì la compagine italiana ha messo la gara in discesa piazzando un parziale di 28-9 e ribaltando completamente l’inerzia della sfida. Un successo nato dalla difesa, soprattutto dalla protezione del ferro (i rimbalzi offensivi avevano permesso al Monaco di scappare) è stato questo il fattore che ha permesso ai padroni di casa di cambiare completamente la sfida, bloccando il prolifico attacco del Monaco ed in particolare un Mike James che era stato il gran dominatore della gara ed Elie Okobo, che è stato perfettamente limitato nella quarta frazione e non è più riuscito ad incidere. Anche l’attacco è salito in cattedra nella quarta frazione, con Brandon Davies che ha dato la scossa nella fine della terza frazione e Ricci e Baron che hanno completato l’opera nel finale. Per Milano 23 punti di Billy Baron e 14 di Brandon Davies. Si ferma invece la corsa della capolista Monaco, che paga un quarto periodo non altezza, dove appena gli avversari hanno alzato l’intensità in difesa, non ha può trovato soluzioni ed è di calata conseguentemente anche in difesa favorendo il rientro degli ospiti e venendo costretta a capitolare proprio negli istanti finali della sfida. Per il Monaco 24 punti di Mike James e 16 di Elie Okobo.

LA CRONACA

Nel primo quarto partono meglio le difese, con gli attacchi che faticano a scardinare le difese avversarie, così dopo tre minuti Milano è avanti 4-2. Il Monaco guidato dal duo Mike James-Diallo riesce a rimanere a contatto ed a tre minuti dal termine del periodo le squadre sono in parità sul 17-17. La partita prosegue sui binari dell’equilibrio, ma l’Olimpia riesce nuovamente a superare e chiude la prima frazione in vantaggio 24-21. Nel secondo quarto il Monaco guidata da Mike James si porta nuovamente in vantaggio sul 27-28 dopo tre minuti. La squadra del principato alza l’intensità difensiva e riesce a scappare portandosi sul 31-43 a tre minuti dall’intervallo. L’andamento della sfida non cambia ed il Monaco arriva all’intervallo avanti 34-47. Nel terzo quarto la squadra monegasca continua a controllare la sfida e dopo tre minuti è in vantaggio 36-50. Milano alzando l’intensità difensiva prova a rientrare, ma il Monaco resiste ed a tre minuti dal termine del periodo è avanti 45-58. A 4 secondi dal termine del quarto periodo viene espulso Kyle Hines per due falli tecnici, presi nel giro di tre secondi, dopo un contatto non fischiato su Mitrou-Long. Il Monaco chiude la terza frazione avanti 51-62. Nel quarto periodo l’andamento della sfida non cambia e la squadra monegasca è avanti 55-66 a sette minuti dalla sirena finale. Arriva un’altra reazione di Milano, che riduce ulteriormente lo scarto e si porta sul -6 (64-70)  a tre minuti dal termine. Milano prima con una tripla di Ricci firma la parità e poi con un 2/2 dello stesso Ricci ad 1:13 dal termine firma il +2 (72-70). Baron con una tripla firma il +5 a 39 secondi dalla sirena. Melli con un 2/2 in lunetta firma il +7 (77-70) a 19 secondi dalla fine, ma Brown riporta il Monaco a -6 (77-71) a 19 secondi dalla sirena. Milano vince 79-71.

QUI le statistiche del match

 

Nell’immagine Billy Baron, foto Ciamillo-Castoria

Valerio Laurenti