Alla fine anche i muri più indistruttibili sono destinati a crollare. La Fortitudo si scioglie nel secondo tempo al cospetto di un incontenibile Giovanni Tomassini, e saluta così l’imbattibilità interna.

Dopo un primo tempo equilibrato, a larghi tratti comandato da Bologna, gli ospiti prendono in mano la situazione e si confermano ai vertici della classifica. Marks ma soprattutto Tomassini, 34 per lui, condannano la Fortitudo che dopo la scoppola forlivese crolla ancora.

Le strane parole di Dalmonte nel post Forlì e nel pre Cento dimostrano che qualcosa non va e, nota delle scrivente, a prescindere dalla condizione fisica dei giocatori, che sono sembrati comunque in grado di giocare.

Mecacci fa quindi suo il derby e si conferma in classifica dove solo le aquile osano, nonostante l’infortunio di Zampini, la squadra è solida e sfonda l’apparentemente insuperabile Paladozza.

TOP, FLOP E PAGELLE FORTITUDO KIGILI BOLOGNA:

*L’autore dell’articolo si prende la responsabilità di non premiare fortitudini.

DAVIS FLOP VOTO 4: Viene accolto dal pubblico quando prende un rimbalzo o si butta per recuperare un pallone, come fosse un under buttato in campo in un garbage time qualsiasi. 4 punti, invisibile in campo ed ennesima giornata in cui Bologna regala un americano.

PANNI FLOP VOTO VOTO 4: È l’unico cambio degli esterni e produce un 0/6 dal campo e assoluta incapacità di playmaking. Amen.

FANTINELLI VOTO 5,5.

THORNTON VOTO 5,5.

ARADORI VOTO 5,5.

BARBANTE VOTO 5.

ITALIANO VOTO 5.

CUCCI VOTO 5.

DALMONTE VOTO 5: Criptiche dichiarazioni per 2 volte nel giro di 4 giorni, parla di acciacchi fisici e chissà non si riferisca ad acciacchi societari.
Per quel che riguarda la partita, fatica a mettere il dito sotto l’opposta mano aperta, recidivamente. Tomassini mistero irrisolvibile.

TOP, FLOP E PAGELLE TRAMEC CENTO:

TOMASSINI TOP VOTO 9: 34 punti con 8/12 da tre, ok, entrava tutto, ma bisogna saperla lanciare per sperare entri. Domina. Partita perfetta per un giocatore che avrebbe meritato maggiori fortune in carriera. Scherza con ogni difensore bolognese, esce per falli altrimenti il quarantello sarebbe stato servito.

MARKS TOP VOTO 7,5: Tira tutto quello che gli passa tra le mani, ma alla fine sono 20 e la sensazione è quella di non uscire mai dalla partita anche quando le percentuali vanno e vengono.

ARCHIE FLOP VOTO 5: Rispetto all’andata è un fantasma, dal primo al quarantesimo, mai in partita e concorrenza a Davis per peggior americano di serata.

MORENO VOTO 6.

TOSCANO VOTO 6.

BERTI VOTO 6.

ULANEO VOTO 6,5.

MECACCI VOTO 7,5: È la faccia di questa Cento che non crolla nel peggior momento della partita. Sempre pronto ad intervenire appena qualcosa non funziona. È primo, senza Zampini, non per caso.

LA CRONACA DELLA PARTITA:

Inizia il derby dell’amicizia con attacchi abbastanza bloccati e Bologna che prova a fare la partita nonostante le basse percentuali. Fortitudo prova ad imporre il ritmo con Aradori e Barbante tentando una mini fuga, Cento risponde e al decimo il punteggio recito 20-15 con Thornton a farne 2 sulla sirena.

Secondo quarto di parziali, i padroni di casa volano sul 25-15, Cento ricuce sul 25-23, e Bologna che risponde sul 30-23. Partita che non trova un padrone. Marks tira tutto quello che gli passa tra le mani ma a fare canestro è Tomassini, che sulla sirena fa 35-34. 14 per lui.

Terzo quarto che parte sul filo dell’equilibrio, Aradori e Thornton da una parte e Marks dall’altra muovono il punteggio. Si ferma un po l’attacco bolognese e Cento ne approfitta per fare 48-53 a due minuti dal termine del parziale. Cento è cinica, non a caso comanda la classifica, Tomassini è cinico (21 per lui), e al trentesimo comandano gli ospiti 50-58.

L’inizio di ultimo parziale è tutto centese ma soprattutto è tutto di Giovanni Tomassini (spettacolo per gli occhi) che firma un parziale di 7-0 che rischia di tagliare le gambe alla Kigili.  Bologna è nervosa, piovono tecnici, Cento scappa, più 16 a cinque minuti dalla fine. Tomassini incontenibile intanto fa 32.
Il finale è un esile tentativo bolognese di limitare i danni e risultato partita che premia, meritatamente, Cento. 73-82.

QUI le statistiche del match

 

Matteo Cuppi