Brescia vince in rimonta contro una Reggio Emilia a lungo in vantaggio nel match. Al PalaBigi il punteggio finale recita 69 a 74.

I padroni di casa pagano un quarto quarto negativo su entrambi i lati del campo, con attacchi forzati e difese non all’altezza. Incide anche l’infortunio di Michele Vitali che si vede costretto a lasciare il campo a metà del terzo quarto per un colpo al ginocchio e, oltre ad accorciare le rotazioni tra gli esterni emiliani, impatta anche sull’intensità dei suoi.

Reggio manca quindi per poco la vittoria dopo aver guidato nel punteggio per oltre mezz’ora e aver spento le diverse fiammate degli uomini di coach Magro.

La Germani invece dopo una partita volta all’inseguimento trova, nell’ultimo quarto, un Della Valle che si accende tutto d’un colpo e ribalta sostanzialmente in solitaria il match. L’ex Buducnost chiude con 23 punti e 7 assist. 

Continua quindi la corsa playoff di Brescia che mantiene la 9a posizione e rimane agganciata alla VL Pesaro, a pari punti.

 

LA CRONACA

 

Il match si apre con una tripla di Kenny Gabriel, a cui risponde Vitali, inventando un canestro in penetrazione che sblocca i padroni di casa. Poi due canestri di Diouf siglano prima il sorpasso e poi l’allungo dei suoi. Brescia mette subito in mostra la sua fisicità a rimbalzo, mentre non manca l’intensità difensiva di Reggio. L’Unahotels inoltre muove bene la palla in attacco e nei primi minuti trova la via del canestro con più facilità rispetto agli ospiti. Gli uomini di coach Magro però non si fanno intimorire e grazie alla coppia Caupain-Petrucelli infilano un parziale di 6-0. Servono in successione la tripla e il floater di Olisevicius a chiudere la striscia della Germani e riportare l’inerzia a favore degli emiliani. Poi sulla sirena del primo quarto Caupain tira fuori dal cilindro la tripla che decreta il 15 a 13 al termine dei primi 10 minuti.

Il secondo quarto inizia con l’inchiodata al ferro di Marcus Lee che chiude l’arcobaleno alzato da capitan Cinciarini. I padroni di casa continuano a tenere alta l’intensità nella partita e pur non costruendo molto in attacco trovano la via del canestro dalla lunga e media distanza con continuità. I lombardi prediligono invece i canestri nel pitturato. Il copione per tutto il secondo quarto rimane invariato: Reggio sempre in vantaggio, ma con Brescia che non gli concede mai la fuga nel punteggio.

Nella seconda frazione di gioco la partita cambia volto, i ritmi rimangono alti fin dall’inizio, ma le due squadre alzano anche le percentuali, non altissime fino a quel momento. Nikolic si accende e prova a guidare i suoi nel riaggancio. A poco più di 6 minuti dalla fine del terzo quarto Olisevicius cade in maniera fortuita sul ginocchio di Vitali che accusa il colpo e si vede costretto a lasciare il campo. L’assenza del bolognese si fa subito sentire e Reggio, prima subisce i canestri di Nikolic e Della Valle, e poi Gabriel, con una tripla, sigla il primo vantaggio importante di Brescia nel match. La risposta della Unahotels non si fa attendere e arriva con il nuovo allungo dei padroni di casa che si portano fino al +8.

Nell’ultimo quarto Diouf ritocca il suo massimo in carriera e continua ad essere un punto di riferimento per gli emiliani. Poi; qualche attacco mal costruito, qualche difesa discutibile e l’ingresso in partita di Amedeo Della Valle, tardivo ma incisivo; ribalta il risultato e porta Brescia avanti sul 60-62 a poco meno di 4 minuti dalla fine. L’inerzia passa definitivamente dalla parte degli ospiti grazie all’MVP in carica, che non smette più di segnare, e Reggio, nonostante i tentativi, non riesce più a riprendere il timone della gara.

 

QUI le statistiche

in foto Della Valle (Ciamillo Castoria)

Alessandro di Bari