NAPOLI – Head Quarter Gevi. C’eravamo lasciati con una storica citazione della commedia Napoli Milionaria, “Adda passà a nuttata”, bhè, la notte è passata, smaltita ed è sorto il classico sole caldo di Napoli.

La clamorosa vittoria contro i primi della classe dell’Olimpia Milano e l’arrivo all’ombra del Vesuvio di quello che fino a qualche settimana fa era il capocannoniere della Eurocup (Joseph Young) ha dato un’iniezione di fiducia ed entusiasmo in quel di Partenope.

La partita messa in atto dai ragazzi di coach Pancotto conto quelli di Messina, è stata la risposta ai tanti malumori che stavano aleggiando da troppo tempo nell’ambiente azzurro.

In settimana il DS Alessandro Bolognesi, ha sottolineato più volte che la società ha piena fiducia nella cura Pancotto.

Il coach di Porto San Giorgio ha lavorato e lavorerà molto sulla mentalità della squadra, che per forza di cose, si era appiattita nell’ultimo periodo.

Solidità, coesione e forza del gruppo gli ingredienti principali per far si che da domenica prossima, in vista della partita contro l’ostica Openjobmetis Varese, Napoli possa inziare la sua nuova stagione.

Per quel che concerne invece eventuali altri movimeni di mercato, non dovrebbero esserci.

L’arrivo di Young dovrebbe, sulla carta, risolvere quei piccoli problemi in attacco che si sono visti nella prima parte di stagione.

C’era la mancanza sul parquet del classico go-to-guy, della persona giusta nel momento giusto.

Sapremo quindi dove, nei momenti clou del match, la palla a spicchi sarà indirizzata.

A suo supporto ci sono i vari Howard e Michineau. Il primo sempre costante in questo inizio di stagione anche se soccombe spesso e volentieri i numerosi miss matches ed il francese, che dopo l’ultimo expoilt, si spera possa mantenere questo trend.

Un pò sottotono ultimamente è apparso il centro, JaCorey Williams, forse vittima di affaticamento muscolare e quindi non lucido come sempre visti i numerosi minuti trascorsi in campo in questa prima parte di campionato. Dovrà ritornare ad essere l’artefice dei sussulti delle tribune azzurre a seguito delle sue sonore bimani alle quali ha abituato i suoi tifosi.

Stewart, seppur a piccoli passi, sta ritornando in una buona condizione fisica. Il nativo di Deridder, non ha ancora dimostrato al 100% tutto il suo potenziale ma ha tutte le carte in regola per farlo. Il suo supporto non solo difensivo ma soprattutto offensivo, potrebbe essere l’asso nella manica per una Gevi che vuole spiccare il volo.

Situazione non tanto diversa in casa Devin Davis. A differenza del connazionale sopracitato però, è apparso più pronto in varie uscite. Servirebbero prove di spessore da parte del numero 15 azzurro ma per ora è stato apprezzato e non poco.

Non esitono più invece altri aggettivi per elogiare il capitano Lorenzo Uglietti. E’ stato fino ad ora protagonista di una stagione ben sopra le aspettative. Il nativo di Torino sta viaggiando con 6,4 ppg, 23,1 mpg, il 58% da due, 46,2% da tre e con una valutazione media di +10,4. Semplicemente stoico.

L’unico che appare un pò in ritardo di condizione è Zerini. Vittima anche di una sindrome influenzale nei giorni che precedevano il match con Milano; si spera che abbia ricaricato le batterie al fine di dire anche la sua sul parquet.

 

Napoli è viva e vuole rendere orgogliosa i suoi tifosi e farà il possibile per continuare a macinare entusiasmo e dare un nuovo inizio alla sua stagione.

 

Edoardo Cafasso