Con la Champions League ferma fino al prossimo 2 marzo, tra ieri e l’altro ieri si è giocata solo l’Eurocup. Dalla seconda coppa ECA arrivano ottime notizie per le squadre italiane. La Virtus Bologna ottiene il quattordicesimo successo europeo in altrettante partite, battendo nuovamente il Buducnost. Il successo vale, per i bianconeri, la qualificazione matematica ai quarti di finale di Eurocup, con il primo posto nel girone sempre più vicino. E’ ancora in corsa l’Aquila Trento, vincente su Boulogne Metropolitans all’esordio di Lele Molin da capo allenatore.

CHI SALE

AQUILA TRENTO

L’esordio di Lele Molin da head coach avviene in Eurocup ed è decisamente fortunato. I trentini battono Boulogne Metropolitans, sorpresa della competizione, per 67-57. Una partita, come spesso è capitato, vinta dalla difesa dell’Aquila, che ha costretto i propri avversari alla bellezza di 25 palloni persi. D’altronde un concetto è ormai chiaro. Questa Trento è ancora in corsa, ma è attesa da due impegni molto complessi. Quando questa squadra dà tutto in difesa può essere un serio ostacolo per chiunque.

MILOS TEODOSIC

L’unica brutta notizia nella serata di Podgorica per la Virtus Bologna è l’acciacco fisico di Marco Belinelli, la cui entità sarà valutata in giornata. Il risultato non è però cambiato rispetto al solito: vittoria. A guidare le danze un Milos Teodosic in formato monstre. Il Mago serbo piazza una prestazione da 26 punti (7/9 da due e 3/8 da tre punti), 4 assist e 4 rimbalzi. Un’assoluta prova di forza in una trasferta che si presentava estremamente complicata. La qualificazione è cosa fatta, una vittoria a Lubiana significherebbe anche un prezioso primo posto nel girone. Semplicemente: Milos Teodosic è il più forte della competizione; la Virtus Bologna è la più forte della competizione.

UNICS KAZAN

I russi sono la seconda squadra imbattuta di queste Top 16 di Eurocup e la principale alternativa alla “nostra” Virtus Bologna per la vittoria finale. L’86-61 casalingo imposto al Mornar Bar sa di pesante affermazione, nel girone comunque meno proibitivo dei quattro. I nomi a roster, soprattutto tra gli americani, sono di primissimo pelo. Peccato solo che, se entrambe vincessero il girone, Unics e Virtus si potrebbero incontrare in semifinale.

CHI SCENDE

AMEDEO DELLA VALLE

Un solo aggettivo può descrivere la sua performance contro Bologna: disastrosa. Per il Buducnost la guardia italiana deve essere uno dei primi riferimenti offensivi. Tuttavia, in uno dei match più importanti della stagione, il suo tabellino recita oltre 16 minuti in campo, non segnando neanche un punto e sbagliando quattro tiri. Le sue passate esperienze in Eurocup avrebbero fatto pensare a qualcosa di meglio dal punto di vista offensivo.                

MANTAS KALNIETIS

Serata storta, a dir poco, in quel di Belgrado per il playmaker titolare del Lokomotiv Kuban. Non è la prima volta che gli succede in queste Top 16, a dire il vero. 2 punti, 3 palle perse e 0 di valutazione in più di 23 minuti di impiego sul parquet. il Loko, squadra di spessore, perde solo sul filo di lana contro il Partizan (71-69). Il suo mancato apporto pesa come un macigno. E se la squadra russa, inizialmente tra le favorite, uscisse di scena in questa fase, lui sarebbe fra i principali responsabili.

MINDAUGAS KUZMINSKAS

Un po’ come il Gatto e la Volpe, lui e Kalnietis sono protagonisti di guai in coppia. Per curriculum, anche dall’ala lituana ci si attenderebbe un contributo molto sostanzioso a questi livelli, cosa che spesso è mancata in questa stagione. Il copione non è cambiato in terra serba. Anche il secondo lituano del Loko si ferma a 2 punti segnati con 1 di valutazione e appena 12 minuti di utilizzo. Dopo l’avventura in NBA si è completamente perso. Talento puro buttato via.          

LE CLASSIFICHE DEI GIRONI

EUROCUP – TOP 16

Gruppo E: Monaco 3-1; Joventut Badalona 3-1; Nanterre 2-2; Unicaja Malaga 0-4

Gruppo F: Boulogne Metropolitans 3-1; Partizan Belgrado 2-2; Aquila Trento 2-2; Lokomotiv Kuban 1-3

Gruppo G: Virtus Bologna 4-0; Olimpia Lubiana 3-1; Buducnost 1-3; Bourg en Bresse 0-4

Gruppo H: UNICS Kazan 4-0; Andorra 2-2; Gran Canaria 1-3; Mornar Bar 1-3

CHAMPIONS LEAGUE – PRIMA FASE

Gruppo A: Tenerife 4-2 (qualificata); Sassari 4-2 (qualificata); Bakken Bears 3-3; Galatasaray 1-5

Gruppo B: Tofas Bursa 4-2 (qualificata); Nymburk 4-2 (qualificata); Digione 4-2; Keravnos 0-6

Gruppo C:Hapoel Holon 4-2 (qualificata); AEK 4-2 (qualificata); Cholet 2-4; Tsmoki Minsk 2-4

Gruppo D: Zaragoza 5-1 (qualificata); Nizhny Novgorod 4-2 (qualificata); Falco Szombathely 3-3; Start Lublin 0-6

Gruppo E: Strasburgo 4-2 (qualificata); VEF Riga 4-2 (qualificata); Peristeri 2-4; Rytas Vilnius 2-4

Gruppo F: Bamberg 6-0 (qualificata); Pinar Karsiyaka 4-2 (qualificata); Bilbao 2-4; Fortitudo Bologna 0-6

Gruppo G: Turk Telekom 5-1 (qualificata); Igokea 3-3 (qualificata); Hapoel Gerusalemme 2-4; Limoges 2-4

Gruppo H: Burgos 5-1 (qualificata); Brindisi 4-2 (qualificata);Oostende 2-4; Darussafaka 1-5

In foto: Lele Molin, coach di Trento (Ciamillo-Castoria)

Andrea Ranieri