Le parole dei due coach quello dell’Allianz Trieste Eugenio Dalmasson e quello di Cantù Piero Bucchi, prima del loro scontro in campionato:

Eugenio Dalmasson:

“Con Cantù affronteremo la stessa difficoltà visto che hanno grande atletismo, soprattutto negli esterni. Dobbiamo dunque gestire al meglio la transizione difensiva costruendo buoni tiri che ci permettano di rientrare bene in difesa senza subire ripartenze avversarie. Come ho avuto occasione di dire, in quest’ultima fase, tutte le partite sono importantissime. Per qualsiasi obiettivo una squadra lotti. i 2 punti a disposizione pesano. Questo sarà il leit motiv da qui a fine stagione. Ogni partita ti può dare molto e ti può togliere molto. Cantù viene da 3 partite gestite da Bucchi, di cui 2 vinte e una persa di poco con Venezia, sintomo di una chiara svolta psicologica”.

Piero Bucchi:

È una squadra molto buona, ricca di talento e con tanti buoni tiratori. Inoltre, ha ampiamente meritato la qualificazione alla Coppa Italia, gratificazione importante sia per i giocatori sia per la società. Andiamo a Trieste con molta umiltà, ma anche con fiducia perché i ragazzi stanno lavorando bene” ha concluso Bucchi.