Al termine di Venezia-Varese in sala stampa hanno parlato i due allenatori.

Queste le parole di coach Walter De Raffaele:  

“C’è poco da commentare se non fare i complimenti a Varese. La nostra prova è deludente sotto tutti i punti di vista ed è anche sorprendente dopo la gara di EuroCup. Abbiamo messo poca energia e poca intensità. Mi scuso io come responsabile di questo gruppo di questa prova. Non puoi giocare e subire 16 rimbalzi offensivi e gli uno contro uno di Varese in questo modo. È un gruppo cui manca la costanza agonistica richiesta dal campionato di Serie A. Bisogna essere umili e sacrificarsi. Ora c’è urgenza per sistemare la nostra situazione in classifica”. 

Queste le parole di Johan Roijakkers: 

«Complimenti ai miei giocatori, hanno dato tutto, si sono battuti molto bene. Abbiamo giocato nel modo giusto per la maggior parte del tempo. In alcuni momenti abbiamo fermato un po’ troppo il pallone e alcuni giocatori hanno cercato di risolverla da soli, ma penso che abbiamo risolto bene queste problematiche. Abbiamo messo moltissima energia, abbiamo preso molti rimbalzi offensivi. Venezia è un top team, giocano in Eurocup, hanno recuperato tutti i loro giocatori e venivano da una bella vittoria in coppa per la quale gli faccio i complimenti, per questo ribadisco le congratulazioni ai miei giocatori.

Prima di tutto ci tengo a dire che tutti i miei giocatori mi hanno dato un caloroso benvenuto in questa mia esperienza varesina, mi hanno aiutato a farmi sentire a casa, sono tutti bravi ragazzi. Cercano di giocare nel modo giusto, si impegnano duramente. Giovanni De Nicolao dà l’esempio a tutti per il suo atteggiamento difensivo, Giancarlo Ferrero ha un’energia incredibile e lo dimostra fin da quando facciamo l’urlo iniziale; ha così tanta energia e fuoco dentro che trascina tutti i suoi compagni. Giocano nel modo giusto e danno l’esempio a tutti i compagni, continuiamo così.

Penso che prendere rimbalzi dipenda da quanto impegno ci si metta e non solo da quanto un giocatore sia alto o grosso. I miei ragazzi sanno che abbiamo un certo sistema di gioco e lo mettono in atto molto bene: questo ci aiuta a prendere molti rimbalzi offensivi. Giocando con Sorokas e Vene come 4 e 5 siamo molto dinamici e flessibili. Possiamo giocare sia pick and roll, sia pick and pop. Anche Ferrero e Reyes hanno fatto un ottimo lavoro giocando da 4 ed è stato molto importante per noi. Sorokas ha avuto problemi di falli e i minuti che ci ha dato Reyes sono stati molto importanti. È stato un lavoro di squadra, ma sono molto contento dei miei lunghi.

Anche nelle mie precedenti esperienze ho sempre fatto giocare i giovani giocatori che avevo a disposizione. Ma quando lo faccio è perché è ragazzi che ho di fronte hanno l’atteggiamento giusto. Virginio e Librizzi si impegnano duramente tutti i giorni in allenamento. Ieri sera in serie B hanno giocato molti minuti entrambi e questo li aiuta perché in quel contesto giocano molti minuti come giocatori principali della squadra; è un bene perché non sempre in Campionato avranno tanti minuti a disposizione. Sono buoni giocatori, hanno grandi qualità e credo possano dare ancora di più. Con l’esperienza che stanno facendo, giocando minuti veri, hanno la possibilità di commettere errori e di poterli correggere. I giovani migliorano solo se giocano».

 

Foto Ciamillo-Castoria