Sconfitta amara quella patita sul parquet di casa dalla Virtus Segafredo Bologna nell’anticipo della terza giornata dei gironi di Eurocup femminile. La formazione di Lino Lardo è costretta a soccombere per la terza volta in altrettante uscite stagionali europee. A trionfare stavolta sono le ragazze del team francese Roche Vendee, che al contrario di quanto fatto dalle V nere, ottengono il terzo successo consecutivo. Per la squadra italiana si complica così ulteriormente il cammino e le speranze di qualificazione ormai sono appese ad un lumicino. Il risultato finale 66-78 vede come protagoniste le quattro moschettiere del team transalpino Bankole, Clarke, Suarez e Lewis. Per le prime due doppia-doppia- da 16 punti e 10 rimbalzi a testa, per Suarez 16 punti, 6 rimbalzi e 4 assist, per Lewis infine 14 punti, 5 rimbalzi e 2 assist. In casa Virtus le ultime ad alzare bandiera bianca sono state Hines-Alles, Barberis e Dojkic, mentre per Cecilia Zandalasini serata costellata da numerosi errori al tiro.

Virtus Segafredo Bologna-Roche Vendee 66-78 (16-22 ; 14-21 ; 23-22 ; 13-13)

Il match vede la squadra ospite condurre le danze sin dal primo quarto. Dopo un iniziale 9-1 casalingo la squadra di Emmanuel Body prende in mano le redini della sfida e non fa letteralmente più vedere il canestro alle avversarie. Il contro break di 2-15 è pesantissimo e porta le francesi sul +6. Il secondo quarto vede la forbice ampliarsi ulteriormente considerando che Zandalasini fatica nel mettere a segno punti; saranno 9 alla fine con un impietoso 2/13 al tiro. Il primo tempo si chiude sul 30-43. Al rientro dagli spogliatoi si vede subito come il controllo della situazione da parte della formazione transalpina sia ottimale. La ragazze di Lardo faticano e scivolano anche sul -21, salvo poi provare a rientrare in partita con giocate in transizione rapidissime, ma non basta. L’ultimo quarto è la passerella finale per le ospiti che controllano la contesa, che da diverso tempo era diventata ad elastico, e arrivano al traguardo in vantaggio di 12 lunghezze.

Qui le statistiche dell’incontro

in foto

Riccardo Chiorzi