Una partita che è stata  fantastica, di quelle che vorresti non finissero viene vinta ancora da Milano, che vola sul 2-0.

Superlativi Shields, 16 punti e Rodriguez, 19.

Per Sassari un ottimo Bendzius, 23 punti e un buon Logan, 14 marcature, non bastano.

L’ultimo appiglio per Bucchi è gara 3 al Pala Serradimigni.

La partita:

L’inizio è molto fisico e tutto per le difese.

Hines fa 1/2 dalla lunetta, poi trasforma un assist di Rodriguez.

Il Chacho e  Shields aprono il parziale, Bucchi chiama il minuto.

7-0 Milano al 3′.

La lotta maschia sotto le plance sembra un trend consolidato.

Bendzius sblocca il Banco con 5 punti in fila, ricucendo lo strappo.

Shields rimette due possessi tra le squadre.

Il gioco da 3 punti di Burnell dimezza lo svantaggio.

Sassari dimostra una maggior attitudine difensiva e intanto ricuce lo strappo, 13 pari, l’aggancio è firmato da Bilan.

A 2′ dalla prima sirena un tennistico 15-15 campeggia sui tabelloni di Assago.

Un super Bendzius firma  il primo vantaggio di marca sarda.

Logan fatica a entrare nella serie , non una buona notizia per Bucchi.

Hall, con un 2/2 consegna un nuovo vantaggio alle scarpette rosse.

Finisce 22-18 un vivace e assai godibile primo quarto.

Diop apre i secondi 10′.

Attacchi stagnanti per 3′, 4-2, parziale del secondo tempino a 7′ e 9” dall’intervallo.

Ci pensa Melli, perfetto dalla linea della carità, spezzare la situazione di impasse.

Il capitano sblocca l’Olimpia,  momentaneo 4-0 in favore dei ragazzi di Messina.

Gentile trova nuovamente il -6 per il “Banco di Sardegna”.

L’attacco meneghino pare anestetizzato dalla arcigna difesa sarda, diversa la questione per Sassari che a 5′ dal termine del primo tempo si riporta a – 4.

Hall desta Milano dall’insolito torpore con una gemma dall’arco.

Bendzius, chiaramente in serata, gli risponde presente.

A 3′ e 40” dal secondo gong l’Olimpia è sopra 35-29.

Il redivivo Logan sveglia la Dinamo con 2 triple di fila.

L’energia del 3 di Bucchi fa proseliti, Kruslin e Bendzius aprono un parziale di 11-2 che ribalta ancora il risultato.

Hines dà una scossa alle scarpette rosse.

Ora il canestro per gli ospiti è una vasca da bagno, ancora a segno Kruslin e Logan.

Finisce 41-48 il primo tempo, marchiato a fuoco dall’esplosione improvvisa del veterano 39enne in maglia sassarese.

Ricci fa esplodere il Forum per il -6 milanese.

Segue l’esempio Hall  e Milano è già  a- 2.

A ricacciarla indietro è il tap- in di Burnell, 47-51, al 3′.

Minuto per Messina, che subisce un nuovo parziale e si ritrova ancora una volta a -6 dopo il canestro in contropiede di Bilan.

Rodriguez si prende la squadra sulle spalle, ma la gioia meneghina è prontamente smorzata da Bendzius.

E’ una gara spettacolare, senza esclusione di colpi, a poco meno di 5′ dalla fine del terzo periodo è 54-59 per la Dinamo.

Hall rimette l’Olimpia a -3 con un jumper dalla media.

Una giocata pirotecnica dal palleggio del 13 biancorosso manda in estasi il Forum.

Dopo tanto premere i meneghini trovano la parità con un gioco da 3 di Datome.

Bendzius risponde all’ex Celtics e trova un nuovo vantaggio, seppur di misura, in favore del “Banco di Sardegna”.

A 1′ e 48” è 64-65 , il match non accenna a calare di intensità e si conferma bellissimo.

Al termine del terzo quarto è 68-69 in favore di Sassari.

Hines stappa l’ultimo tempino e restituisce un punto di vantaggio all’ Olimpia.

Prove tecniche di allungo per i ragazzi  di Messina, schiacciata di Melli e un possesso pieno per i lombardi.

74-71 al  3′.

Baldasso, da 3, manda in paradiso tutto il Forum, ma soprattutto Milano sul + 4.

Hall incrementa il vantaggio sul +7.

I canestri provvidenziali di Logan e Kruslin fermano una pericolosa emorragia, la Dinamo è di nuovo a – 3.

Il succitato 3 di Bucchi rimette un solo punto tra le squadre.

E’ 82-79 all’8′ dopo un canestro di Rodriguez.

84- 79 in favore dell’Olimpia a 2′ 24” dalla fine, il Forum è una bolgia.

Bilan, dalla lunetta fa 1/2, 84-80.

Rodriguez deposita  in fondo alla retina  un qualcosa  che assomiglia molto alla parola fine alla gara 89-80  a 2′ dal termine.

Finisce 91-82 per Milano, 2-0.

Foto:  Ciamillo- Castoria