Il capitano dell’Openjobmetis Varese, Giancarlo Ferrero, prende la parola su “La Prealpina” per fare il punto sugli ultimi addii in squadra: “Spiace sempre quando ci si trova nelle condizioni di cambiare giocatori rispetto al progetto estivo. Egbunu se n’è andato per scelta sua, ma a questo punto il messag­gio, in qualità di capitano, è molto chiaro: per centrare l’obiettivo sal­vezza serve una mentalità da squa­dra in missione. Chi lo condivide e se la sente si rimbocchi le maniche in vista della battaglia, chi invece non se la sente è giusto che segua altre strade”.

Non ci sono comunque stati ammutinamenti o altri fatti gravi: “Nessunissimo ammutinamento: ci sono stati dei problemi, ma da que­sta situazione di difficoltà serve trarre spunto per compattarci ulterior­mente. Lo scorso anno la qualità del gruppo fu determinante per la svolta dopo il lungo stop per il Covid, con­fido che possa accadere anche sta­volta. E sono convinto che questa sia un’occasione importante per la svolta decisiva verso la salvezza”.

Infine, Ferrero chiude parlando della convivenza con il Covid: “Vista la situazione generale non possiamo far altro che prestare la massima attenzione e rispettare le indicazioni sanitarie. L’auspicio è che, come avvenuto nel 2020/21, si esca an­che stavolta dalla situazione Covid. Spero che il film abbia lo stesso lieto fine, traendo spunto dalle difficoltà per riuscire a raccogliere qualcosa di più rispetto a quanto accaduto nelle ultime due prestazioni. A tratti molto buone, ma con zero punti in classifica”.

Fonte: legabasket.it