Varese più forte di tutto e tutti. Nell’anticipo della nona giornata di serie A l’Openjobmetis Varese demolisce la Bertram Tortona, con il punteggio di 85-76. Un match spettacolare, preparato in maniera maniacale da coach Vertemati. Una vittoria che pesa come un macigno sull’ambiente biancorosso che ora può guardare all’immediato futuro con tutt’altre certezze.

La sintesi del match è racchiusa nel punteggio 80-56 segnato dal tabellone generale a 5 minuti dal termine. Non c’è mai stata realmente partita, sotto nessun punto di vista. Varese parte a zona ma Tortona trova spesso contromisure per superare il castello difensivo. Il primo quarto è equilibrato ma solamente perché Varese decide di dilaniare un ottimo vantaggio che aveva toccato anche la decina. Poi la partita comincia a prendere tutt’altra piega: Tortona smette di capirci il senso e la forma del match. Il merito è del solito Alessandro Gentile, leader silenzioso e rumoroso allo stesso tempo. Su di lui il raddoppio è sistematico e soprattutto sbagliato. E’ immarcabile. Così poi lo scarico spesso è semplicissimo su Beane o su Sorokas che stasera ha probabilmente aggiunto un altro mattonino alla sua permanente titolarità con una prestazione fuori dal comune (8 punti e 3 assist ma tanta tanta legna e tanti tanti rimbalzi).

Varese poi dilaga, il castello di carta difensivo di Tortona crolla. Nell’ultimo periodo Varese trova il massimo vantaggio con 24 punti di divario costruito sulle triple di Beane e Kell (probabilmente stimolato dall’arrivo di Keene). La zona aiuta in difesa, tranne che nel blackout finale dove i biancorossi hanno staccato la spina e si son fatti riprendere.

L’arma decisiva comunque resta sempre Gentile. E’ impressionante l’apporto che dà alla squadra sotto molteplici livelli. Basti pensare a quello gestionale: nei momenti topici sa come si gestisce la palla e quanto pesa. Con la sua esperienza traina il carro impazzito di stasera condotto da un Beane e un Jones che hanno messo a ferro e fuoco la difesa torinese. Poi a livello realizzativo: se lo marcano in 2 un motivo c’è, è il motivo è chiaro anche stasera. Ha segnato 14 punti ma ne ha fatti segnare 21 a Jones e 23 a Beane. E’ straordinariamente decisivo e deciso. In tutto quello che fa.

Per Tortona è un passo indietro notevole. Coach Ramondino ha completamente sbagliato la scelta del raddoppio su Gentile e soprattutto si è fatto troppo prendere dalla scelta di doversi adeguare al ritmo e non imporlo. Se Varese abbassava il quintetto, il coach faceva altrettanto. Se Varese si metteva a uomo, il coach non ha mai trovato un escamotage per aiutare Wright e Sanders a trovare più spazio al tiro. Daum e Cain sono stati totalmente annullati dai folletti malefici biancorossi. E’ una sconfitta sonora e vanno fatte importanti valutazioni.