Turno fondamentale per il prosieguo dell’Eurocup della Reyer e di Bourg, che si sfidano in un big match da alta classifica nella partita numero 11 del torneo. Ancora senza Brooks i lagunari. Il finale è 86-79.

Un primo tempo a strappi per i primi 10′, con Bourg che è andata in fuga sul 7-0 complice una difesa molto tenera degli oro-granata ed i 2 falli immediati di un Watt davvero negativissimo. L’ingresso di Tessitori dà qualità, solidità e presenza sotto canestro, con il lungo azzurro bravissimo nel concretizzare i pick and roll centrali serviti da Spissu e Granger; Willis con energia, qualità ed atletismo garantisce corsa in transizione e punti a referto imbastendo uno 0-14 che non dà scampo ai francesi, impastatisi sulla difesa a zona lagunare. Bourg però ha qualità negli esterni e mille risorse, Palmer, Floyd e Pelos mettono in grossa difficoltà la difesa veneziana dentro l’area con canestri troppo facili e danno la fuga ai padroni di casa sul +11: la differenza sostanziale è data dall’energia francese che difende meglio e quella di Venezia, che soffre troppo gli 1vs1 degli esterni. Il ritorno in campo di Bramos e Willis ridà ossigeno, con il punteggio al 20′ che è 43-38. Terzo quarto di maggior equilibrio nel gioco, la Reyer gioca con attenzione, energia ed impatto difensivo: un 2-13 dà il +6 agli ospiti, ma l’impatto di Palmer e nuovamente di Floyd porta il nuovo break francese e +4 per i bianco-rossi. Willis torna a lavoro andando a realizzare il -3 del 30′ sul 60-57. L’avvio convincente in difesa ed attacco è un caso isolato: i rimbalzi, l’energia e l’attacco al ferro di un incontenibile Floyd affondano Venezia, che non segna più, perde palloni sanguinosi, difende male e precipita a -15. Bourg comanda con facilità a rimbalzo, trova troppi canestri facili e scappa verso una vittoria più che meritata. 73% da due, 38-23 a rimbalzo i dati principali che costano un ko meritato agli oro-granata. 86-79 il finale.

CRONACA

Marce alte per Bourg, che con Chassang e Pelos vola subito sul 7-0, ma Tessitori, la difesa a zona e Willis aprono un break di 0-14 che porta avanti la Reyer sul 14-7. Partita a strappi, i francesi attaccano meglio la difesa a zona, difendono con maggior lucidità e fisicità e ritrovano il vantaggio prima che la tripla di De Nicolao fissi la parità al 10′ sul 24-24. Bourg continua sul copione del primo quarto con tanti attacchi al ferro ed una difesa più reattiva trovando canestri facili degli esterni ed un controllo netto dei rimbalzi, la Reyer non riesce a contenere l’attacco di Floyd e Palmer, subendo la lunghezza – anche – di Brimah: solo un cambio di passo difensivo accorcia il disavanzo, con i francesi che al 20′ sono in vantaggio solo di 5 punti. Dopo la ripresa cambia il registro: Watt, Granger e Spissu entrano in partita, le triple entrano e la Reyer trova un meritato +6. Dal time out esce però una Bourg diversa, Venezia subisce pesantemente Floyd, Benitez e nuovamente Palmer: ci penserà il numero 11 a spaccare la partita con 5 canestri identici, tutti andando a destra. Dal +15 francese non c’è possibilità di risalita totale ed ecco che – nonostante un po’ di patemi – i francesi portano a casa i due punti, mandando un messaggio chiaro al girone ed agli stessi oro-granata.

QUI il tabellino

Daniele Morbio

Foto Eurocup (Pierre Pelos)