Non riparte al meglio il cammino europeo dell’Aquila Basket Trento. Dopo la sosta natalizia, nel primo turno del girone di ritorno del gruppo A di Eurocup, Forray e compagni cadono sul parquet del Promitheas Patrasso per 84-71. Si tratta della ventesima trasferta consecutiva nella competizione europea senza successi per gli uomini di Molin, che ora si ritrovano con un record di due successi e otto ko.

Il prossimo impegno europeo per i bianconeri sarà di capitale importanza, mercoledì prossimo alla BLM Group Arena, contro una delle dirette concorrenti per la corsa all’ottavo posto, i London Lions.

LA CRONACA

Trento inizia con Flaccadori, Lockett, Crawford, Grazulis e Atkins, Promitheas che risponde con Cowan, Simpson, Mouratos, Kulboka e Tanoulis.

Partono meglio i greci sfruttando la scarsa precisione da oltre l’arco e la difesa disattenta della Dolomiti Energia, Molin è costretto al primo timeout sul 16-7. Né un gioco da tre punti di Flaccadori né gli ingressi di Udom e Spagnolo cambiano lo spartito, il Promitheas scappa sul +10, un canestro con fallo subito dello stesso Spagnolo fissa comunque il punteggio sul 23-16 dopo i primi dieci minuti mentre si vede in campo per la prima volta anche l’amato ex di turno Dustin Hogue, al debutto con la squadra greca.

Tanti errori da entrambe le parti in avvio di seconda frazione, Trento prova ad accorciare con i canestri di Ladurner e Crawford tornando a -2, poi sono prima Conti a lucrare il terzo fallo di Simpson e impattare a quota 31 poi Grazulis ad appoggiare il sorpasso. I greci però rispondo prontamente con due giochi da tre punti consecutivi, la difesa di Trento perde di nuovo concentrazione nel pitturato e all’intervallo lungo il divario è identico a quello del primo quarto: 45-38.

L’Aquila rientra decisa dagli spogliatoi con un parziale di 7-0 immediato per la nuova parità, ma è un fuoco di paglia prima dell’allungo del Promitheas che prova a spaccare la partita. Arriva infatti un contro-parziale di 17-4 targato da Mouratos, Canditt e Simpson che aggiorna il massimo vantaggio dei greci sul +15, Lockett contiene i danni per gli ospiti con quattro punti consecutivi ma dopo mezzora di gioco il tabellone recita un netto 66-55.

Il quarto conclusivo procede senza particolari scossoni: Patrasso continua a cavalcare l’ispirato Canditt respingendo qualsiasi tentativo di assalto dei trentini, che si affidano a Flaccadori fino a che questi non esce per il suo quinto fallo. Termina 84-71.

QUI le statistiche del match

 

Nell’immagine Diego Flaccadori, foto Ciamillo-Castoria

Massimo Furlani