BOLOGNA – Non è stata una partita da strabuzzarsi gli occhi, ma alla fine quel che doveva arrivare è arrivato. La Virtus Bologna suona la carica e si riscatta dall’ultima terribile settimana battendo l’Alba Berlino per 85-76.
Dunque il pubblico della SegafredoArena può esultare per il primo successo nel polo fieristico bolognese delle V Nere.
Oggi per la Virtus – senza Semi Ojeleye e con Isaia Cordinier e Alessandro Pajola in dubbio fino all’ultimo – non serviva tanto la prestazione, quanto il risultato. Per la classifica, per il morale e per guardare alla sfida di venerdì contro il Maccabi con un bel po’ di ottimismo in più.
Si è rivista una Virtus discreta in difesa, ma che ha saputo passarsi bene la palla anche in attacco. Gli oltre 80 punti segnati ne sono una dimostrazione.
Si interrompe così la striscia di quattro sconfitte consecutive e si ferma contro una squadra – l’Alba Berlino – in grande difficoltà al decimo ko filato. Tra i protagonisti dei tedeschi c’è stato Gabriele Procida. L’ala comasca ha giocato meno di 7 minuti ma ha ben figurato con 5 punti, 2 rimbalzi e una rubata.
Per la Virtus ci sono 16 punti di Kyle Weems, 13 di Mam Jaiteh, 13 di Daniel Hackett, 11 di Milos Teodosic, 10 di Ismael Bako.
Per l’Alba invece arrivano 16 punti da Luke Sikma, 14 da Jaleen Smith, 11 da Louis Olinde e 11 anche da Christ Koumadje.

La cronaca 

Le squadre in avvio si battono colpo su colpo. La Virtus sfrutta il buon avvio di Jaiteh: i francese segna 7 punti in 6’ e la Segafredo è avanti 14-9. 
Il primo quarto si chiude sul 18-15 con due alley-oop consecutivi Teodosic-Bako.
Vige equilibrio nel secondo quarto che si scardina solamente nella seconda fase, prima dell’intervallo. Weems e Hackett piazzano un parziale di 4-0: 33-25, che poi diventa +10 (36-26) a 2’ dalla pausa lunga. 
All’intervallo si va sul 40-29 in favore dei bianconeri.
Al (difficile per via delle problematiche tecnologiche) rientro in campo l’Alba prova a rientrare a contatto, ma la Virtus con Hackett e Jaiteh rimane saldamente in controllo delle operazioni. Dopo 30’ la Segafredo è avanti 63-52.
L’ultimo quarto ricalca molto i precedenti tre. Berlino prova a ricucire, ma la Virtus mantiene il vantaggio fino al 85-76 conclusivo. 

QUI le statistiche complete del match 

Eugenio Petrillo 

Nell’immagine Milos Teodosic e Gabriele Procida, foto Ciamillo-Castoria