E’ il sesto ko in fila in Eurolega per una Milano, vogliosa ed energica e con un attacco che trova più fluidità rispetto alle ultime uscite.

Sembrava il preludio a un esito diverso, ma nel secondo tempo sono emerse le difficoltà nella produzione punti che hanno caratterizzato l’ ultimo periodo meneghino.

La squadra di Itoudis si dimostra coriacea, capace di tenere nel momento di difficoltà del primo tempo e resta sempre agganciata per poi completare e consolidare il sorpasso.

Bene per Milano Mitrou-Long e Hall, rispettivamente 18 e 22 punti, 7/14 dal campo per il primo , 4/9 per il secondo.

Top scorer ospite un ottimo Hayes-Davies, 22 marcature, 5/6 da 2 e 2/3 da 3.

LA GARA

L’elettricità della gara è subito altissima, 3-5 Fenerbahce dopo 2′ e mezzo dall’inizio.

Inizio sprint dell’Olimpia, 9-5 a 5′ dalla prima sirena.

Milano chiude un primo quarto giocato splendidamente avanti di 2 possessi , 21-15 il parziale.

La squadra di Messina conferma il grande momento in attacco, parziale di 12-4 in apertura di secondo tempino.

Quando ci avviciniamo alla pausa lunga , la squadra di Itoudis, grazie a una tripla di Calathes si rimette sotto la doppia cifra di svantaggio, 35-27 a 1′ e 56″ dall’intervallo.

Finisce 37-32 il primo tempo, con un Fenerbahce in crescita, trascinato da Wilbekin, ma l’Olimpia , ha la faccia giusta per questo tipo di gara.

Top scorer meeghino Mitrou Long ,autore di 8 punti, uno in più per Wilbekin.

I ragazzi di Itoudis ricuciono lo strappo, 37-37 a 7′ dal 30′.

A 4′ e 34″ dal terzo gong è 44-47 per gli ospiti, trainati da Calathes e il succitato numero 3,.

I meneghini sono sotto di 10 lunghezze a 10′ dal termine.

La compagine turca in avvio del quarto tempino, 48-62 a 8:30″ dal termine della gara.

62-73 per la squadra di Itoudis a 5′ dal termine.

Finisce 72- 82 per il Fenerbahce, sempre più primo in classifica, mentre per l’Olimpia è il sesto ko di fila a livello europeo.

QUI le statistiche del match

 

Nell’immagine Nick Calathes, foto Ciamillo-Castoria

Matteo Briolini