Una classicissima per riscattare non soltanto il ko molto brutto dell’andata, ma anche l’ultimo di Tortona di settimana prossima tra tanti, tantissimi problemi di infortuni. La Reyer riceve Trento tra le mura amiche in quella che è una delle partite più sentite degli ultimi anni, che nel 2017 è valsa anche come finale scudetto. Il match tra oro-granata e bianco-neri è sfida d’alta classifica, con la squadra di Spahija seconda e quella di Galbiati settima.

Nelle ultime settimane la squadra lagunare ha mantenuto uno standard difensivo molto alto, subendo pochi punti nel complesso tra Derthona e Vilnius, pur incassando due ko diversi tra loro. Se nella metà campo difensiva è arrivata una risposta positiva, il problema sta in un attacco naturalmente condizionato dalle troppe assenze. La perdita di due giocatori fisici e di qualità come Tucker e Kabengele pesa tantissimo nelle dinamiche offensive. Se a questi due aggiungiamo anche l’assenza di Parks e l’influenza di Wiltjer allora è facile descrivere le difficoltà offensive.

Il giocatore più in forma della squadra di Spahija è certamente Amedeo Tessitori: il lungo azzurro è tornato sui suoi livelli di inizio stagione nelle ultime settimane e contro Tortona e Vilnius ha piazzato una prova da 13 ed 8 rimbalzi, con ben 5 recuperi aggiunti nel ko di coppa. L’ex Virtus dovrà fare reparto da solo probabilmente per poco visto che il ko di Kabengele non è grave, però dovrà stringere i denti.

Nel match di sabato sera il duello chiave è certamente quello tra Aamir Simms e Andrejs Grazulis: il lungo lettone è uno dei migliori in campionato nel ruolo di “4” ed è da tenere assolutamente d’occhio essendo abilissimo nelle conclusioni dall’arco e vicino al ferro con conclusioni dalla media, ma avrà contro di lui un giocatore estremamente fisico come l’americano della Reyer, apparso in crescita nelle ultime uscite dopo qualche problema al piede. In termini di chiavi del match, Venezia dovrà contenere il “pace” che ha Trento nella metà campo offensiva, contenendo le folate ad alto ritmo che nel match di andata hanno affondato gli oro-granata. Il controllo dei rimbalzi, l’impatto fisico e soprattutto l’attenzione difensiva faranno la differenza, ben sapendo che servirà maggior qualità in attacco per i lagunari.

Il match è in programma sabato 27 gennaio con palla a due alle ore 19.30 al Palasport Taliercio. Ex della sfida Paul Biligha, oggi a Trento. I tre arbitri del match sono Saverio Lanzarini, Andrea Valzani e Alessandro Nicolini. Per la squadra lagunare in dubbio la presenza di Tucker e De Nicolao, mentre è out sicuramente Parks. Kabengele dovrebbe essere out anche lui. La diretta del match è prevista su DAZN.

QUI il roster della Reyer

QUI il roster di Trento

QUI il turno

QUI la classifica

Foto Ciamillo-Castoria (in foto Amedeo Tessitori)

Daniele Morbio