Servirà una partita perfetta, senza sbavature. Un’impresa difficile, ma non impossibile. Alla VitrifrigoArena la VL Pesaro affronterà – oggi alle 17.00 – l’Olimpia Milano.
La squadra di Jasmin Repesa ci sta abituando ad exploit inaspettati in queste prime giornate, come in particolare la vittoria casalinga contro la Reyer Venezia e quella in trasferta a Brescia. I due “miracoli”, sportivi si intende, sono maturati in maniera piuttosto simile. Le vittorie sono arrivate infatti all’ultimo respiro con un canestro sulla sirena: nel primo caso di Abdur-Rahkam, nel secondo di Kwan Cheatham.
La Carpegna Prosciutto si appresta ad affrontare questa partita con la testa libera e la voglia di provare a stupire ancora una volta.
Lo farà senza Carlos Delfino e Matteo Tambone, ma in settimana ha aggiunto al proprio roster Jon Axel Gudmundsson. Il giocatore islandese è una vecchia (neanche troppo remota) conoscenza del basket italiano. L’anno scorso ha vestito la maglia della Fortitudo Bologna e diciamo che – sotto le due Torri – non ha lasciato ricordi indelebili. Fortemente voluto e caldeggiato in estate proprio da Jasmin Repesa, Gudmundsson si è rivelato un giocatore ibrido, né un playmaker né una guardia. Tanto criticato da essere tagliato a gennaio. Ma sappiamo che alla Fortitudo la scorsa stagione non ha funzionato quasi nulla.
A Pesaro – arrivato con un classico contratto a gettone – potrà dare una mano allungando le rotazioni e mettendosi a disposizione come meglio sa fare: da giocatore di sistema in attesa del rientro di Tambone.
Già contro Milano vedremo in che modo si aggregherà alla VL Pesaro.
Jasmin Repesa ed i suoi ragazzi non hanno intenzione di smettere di far sognare. 

Eugenio Petrillo

Nell’immagine la VL Pesaro a Brescia, foto Ciamillo-Castoria