Secondo blitz esterno consecutivo per la Givova Scafati, che riprende la marcia dopo lo stop al PalaMangano con Tortona e aggancia in classifica Brindisi a quota 10 punti. Per i ragazzi di coach Caja si tratta del quarto successo nelle ultime cinque gare, un ruolino di marcia da big per una squadra che appena qualche settimana fa sembrava senza identità e carattere e che ora è in grado di competere senza paura con chiunque.

La gara con l’Happy Casa è stata combattuta e nervosa, con i campani che hanno tirato con buone percentuali dal campo e approfittato della giornata nera al tiro dalla lunga distanza dei pugliesi. Momento chiave del match la prima parte del terzo quarto, quando gli ospiti hanno intensificato la pressione difensiva e piazzato il break decisivo, resistendo poi ai tentativi di rientrare in partita dei pugliesi, guidati da un battagliero Bowman (16 punti e 5 rimbalzi).

Ottima prova di Logan (21 punti e 6 assist), che ha festeggiato nel migliore dei modi il quarantesimo compleanno, ancora una volta decisivo Stone (11 punti, 10 rimbalzi e 4 assist), muscoli e mente della squadra. Okoye (15 punti e 4 rimbalzi) si sta mostrando per quello che è, l’innesto in grado di far fare alla squadra il salto di qualità e mettere nel mirino traguardi impensabili a inizio stagione.

Brindisi si conferma una compagine che vive di momenti, sorretta più dalle giocate sue tante individualità che da un’idea di gioco che stenta a venire fuori.

 

La cronaca

Brindisi parte forte con la tripla di Mezzanotte e il canestro in sospensione di Perkins, ma Scafati risponde con Logan e Okoye. Si gioca su ritmi alti, con molte forzature da una parte e dall’altra. La Givova mette la freccia con due triple consecutive di un ispirato Logan (8-12). La gara è aperta e continui sono i ribaltamenti nel punteggio. Cinque punti consecutivi di Burnell riportano avanti Brindisi (13-12). Il canestro allo scadere di Perkins consente alla Happy Casa di chiudere la prima frazione avanti 19-16.

il secondo quarto si apre all’insegna di difese aggressive e attacchi che faticano a trovare la via del canestro. Tra tiri sbagliati e palle perse, i primi punti arrivano dopo oltre quattro minuti di digiuno ad opera di Rossato (19-18). Si sbloccano anche i padroni di casa con Riismaa e con Bowman si portano sul +6 (24-18). Ma Scafati non molla, stringe le maglie difensive e inizia a gestire in maniera più oculata i possessi. Stone trova i punti del pareggio (24-24) e sul finire del quarto i campani riescono e portarsi avanti chiudendo sul 29-31.

Si ricomincia e prima Stone e poi Logan colpiscono dall’arco (29-37). Brindisi continua a soffrire l’aggressività difensiva di Scafati, che sembra avere il controllo del match. In campo c’è una squadra sola, con Logan assoluto protagonista (31-43). Bowman prova a prendere Brindisi sulle spalle e con due canestri consecutivi dall’arco dimezza il distacco (40-46). Caja corre ai ripari chiamando time-out e rimettendo sul parquet Logan per Imbrò. Thompson dalla lunetta e Stone in schiacciata a campo aperto, dopo aver recuperato palla, ristabiliscono subito le distanze (40-50). Il canestro di Reed chiude il tempo sul 42-50, con Brindisi ancora in partita nonostante il 34% da due e il 24% da tre.

Anche l’ultimo parziale si apre con le due squadre che litigano con il canestro. Pinkins riporta il vantaggio degli ospiti sulla doppia cifra (43-53), ma è ancora una volta Bowman a suonare la carica con una tripla. Una palla persa da Logan viene trasformata da Etou nella bomba del -4 (49-53). Caja è costretto a chiamare nuovamente time-out e viene premiato dai canestri di Thompsom e Logan che consentono ai campani di respirare (49-57). Questa volta è coach Vitucci a chiedere la sospensione, ma l’inerzia del match è saldamente nelle mani della Givova. Brindisi inizia finalmente a mettere dentro qualche tripla, ma Scafati risponde colpo su colpo retta dalle giocate del rientrante Butjankovs. Mascolo nel finale prova a riaccendere la speranza con cinque punti consecutivi. Inizia la giostra dei tiri liberi, che non cambia il risultato e Scafati torna meritatamente a casa con la posta in palio.

Salvatore Possumato

 

QUI le statistiche del match
FOTO: Logan, ancora una volta decisivo per Scafati (Ciamillo-Castoria)