Reggio Emilia trionfa per 88-77 su Treviso al Palabigi. Vittoria importante per l’Unahotels che allunga la serie positiva, cinque vittorie nelle ultime sei partite, e si allontana ulteriormente dalla zona retrocessione. Con il successo, Reggio supera proprio Treviso in classifica, grazie ai due scontri diretti a favore degli emiliani, e si porta virtualmente in 11esima posizione, a 4 punti dai playoff.  

I padroni di casa giocano una partita lucida in cui non mollano mai la presa, nonostante una Nutribullet che continua provare a ribaltare il risultato fino all’ultimo minuto. Gli uomini di coach Sakota gestiscono egregiamente il vantaggio trovando più protagonisti nel corso della partita, che guidano la squadra sia realizzando sia con il lavoro sporco in difesa e a rimbalzo. Treviso invece fatica a limitare la Reggiana, soprattutto nel primo tempo, quando la difesa è spesso distratta o in ritardo. Gli ospiti invece in attacco provano ad affidarsi ad Adrian Banks, che segna 26 punti, ma non riesce a caricarsi realmente la squadra sulle spalle. La Nutribullet pur non arrendendosi fino alla sirena finale, riesce solo ad inseguire e mai a cambiare realmente l’inerzia del match.

LA CRONACA

La partita si apre con una tripla di Iroegbu che sblocca subito il punteggio e regala il primo vantaggio a Treviso. Non si fa attendere la risposta di Reggio Emilia che, con Olisevicius, si porta prima a -1 e poi, grazie a Hopkins, segna 9 punti consecutivi. Coach Nicola si vede quindi costretto a chiamare time out e cercare di dare una scossa alla sua squadra, che risponde prontamente con Adrian Banks che inizia a trovare canestri uno dopo l’altro senza quasi mai sbagliare. L’americano chiude il quarto con 12 punti e 5/7 dal campo.

Nel secondo quarto le rotazioni difensive degli ospiti continuano a non essere reattive e di conseguenza le disattenzioni vengono pagate con canestri semplici concessi. Zanelli poi accorcia le distanze con una tripla, ma Reggio risponde con Strautins e inizia a trovare con continuità il fondo della retina, portandosi anche sul +10. Banks cala nei secondi 10 minuti, dopo aver giocato il primo quarto in maniera quasi perfetta, ma torna a battere un colpo nel momento di maggior difficoltà dei suoi, trovando un canestro con fallo che smorza l’inerzia dei padroni di casa e riapre la sfida. Alla fine del secondo quarto la partita diventa un botta e risposta continuo tra le due squadre, ma con i padroni di casa in vantaggio. 

Nella seconda frazione di gioco Treviso parte bene in attacco e stringe le maglie in difesa, ma Reggio Emilia riesce comunque a rimanere avanti nel punteggio e non permettere mai agli ospiti di avvicinarsi troppo, mantenendoli sempre a distanza di sicurezza. Poi, grazie all’asse Reuvers-Senglin, Reggio riprende il largo portandosi sul +11 e salendo di colpi su entrambi i lati del campo.

Nel quarto quarto Treviso tenta di rientrare in partita aumentando l’intensità, ma non basta. Anche il passaggio a zona non premia gli ospiti, la Reggiana continua a limitare la Nutribullet e non farla avvicinare mai abbastanza da tentare realmente la rimonta. Gli ospiti poi continuano a cambiare opzioni nel tentativo di trovare una soluzione per arginare Vitali e compagni in attacco. Provano anche ad allungare la difesa, mettendo pressione fin dalla rimessa di fondo, ma l’alternativa non porta a nessun risultato concreto. A pochi secondi dalla fine è Strautins, dopo una palla quasi persa da Cinciarini, a segnare la tripla che chiude definitivamente la partita.

QUI le statistiche del match

In foto Vitali (Ciamillo Castoria)

Alessandro di Bari