Intervistato da Elisabetta Ferri sul “Il Resto del Carlino – Pesaro” in vista della sfida tra Happy Casa Brindisi e Carpegna Prosciutto Pesaro di domenica alle 18.30 (live su Eleven Sports), Bruno Mascolo ha sottolineato l’importanza del tifo pugliese: “Sento molto la vicinanza del tifo e specialmente nelle rimonte o nelle situazioni punto a punto cerco sempre di portarmi dietro il pubblico incitando la gente ad alzare il volume perché so quanto possono aiutare. Odio perdere e quindi tutto quello che si può fare provo ad utilizzarlo a vantaggio della mia squadra”.

Nello scacchiere di coach Vitucci, Bruno Mascolo può giocare agevolmente tra i ruoli di 1 e 2: “Io, Bowman e Reed ruotiamo in tre per due posizioni, quindi, è la situazione ideale, direi che finora chi si è fatto trovare più pronto per rimpiazzare Dixson è stato Riismaa. Ora il coach ha dieci giocatori veri da ruotare e non credo ce li abbiano in tanti in un campionato che comunque, secondo me, esprime un livello medio molto più alto degli altri anni”.

Poi l’esterno campano ha parlato della differenza in panchina tra Marco Ramondino (suo ex coach a Tortona) e Francesco Vitucci: “Ramondino e Vitucci sono due allenatori opposti, entrambi di alto livello, a partire da come gestiscono la settimana. Ramondino ti sta addosso sempre e io di questo avevo bisogno essendo molto giovane quando sono arrivato a Tortona, mentre Frank cerca di dare serenità mentale ai giocatori lasciandoli abbastanza liberi: si fida molto delle nostre scelte, non sottolinea quasi mai gli errori. Io mi trovo benissimo con lui”.

Infine un commento su Pesaro e sulla sua nuova squadra: “Trovo che sia un’ottima squadra, allenata molto bene da Repesa. Hanno i nostri stessi punti, per cui sarà una partita tosta e dobbiamo essere consapevoli che solo con tanta concentrazione possiamo portarla a casa, il che ci servirebbe per avere continuità in campionato. Poi ci aspetteranno le due sfide di Fiba Europe Cup per provare a passare il turno. Ma prima c’è Pesaro, tutte le energie dopo questa pausa in cui ci siamo ricaricati, tornando al completo, vanno incanalate lì”.

Fonte: legabasket.it